Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 30 giugno - Aggiornato alle 19:34

Musica al calar del sole, la terra suona il jazz: ecco ‘Sounds and Silences of the Earth’

Tour scientifico-musicale ‘GeoRisonanze’ approda al Tempietto sul Clitunno il prossimo 25 giugno. Sul palco il Paolo Damiani Unit

Paolo Damiani Photo by Massimo De Dominicis

Sabato 25 giugno alle ore 19.30, in occasione dell’11esima ricorrenza del riconoscimento Unesco del sito ‘I Longobardi in Italia: i luoghi del potere (568-774 d.c.)’, la EMusic andrà in scena nella splendida cornice del Tempietto sul Clitunno, tra i più interessanti monumenti altomedievali dell’Umbria e inserito tra i sette gioielli dell’arte e dell’architettura longobarda in Italia. Un palcoscenico d’eccezione dove al calar del sole gli spettatori avranno modo di ascoltare l’autentico suono della Terra, interpretato dal noto contrabbassista e direttore artistico del tour ‘GeoRisonanze’ Paolo Damiani, in quartetto con una serie di esecuzioni originali dal titolo ‘Sounds and Silences of the Earth’.

Suoni dal Temp(i)o L’evento è organizzato dall’associazione culturale Kate Creative Studio in collaborazione con la direzione regionale Musei Umbria, il Comune di Campello sul Clitunno, Sistema Museo e Grm Management di Riccardo Marini. Lo spettacolo del 25 giugno, in programma come ‘Suoni dal Temp(i)o’ sarà un vero e proprio viaggio al centro del pianeta e ritorno, a centinaia di metri di profondità, percorrendo a ritroso l’evoluzione geologica delle storiche Fonti del Clitunno, apprezzate e decantate da poeti, artisti e scrittori fin dall’epoca romana. «Siamo lieti di ospitare un’esperienza così significativa ed originale in un contesto di grande rilevanza culturale quale è il nostro Tempietto – ha spiegato il Sindaco di Campello sul Clitunno, Maurizio Calisti -. La ricerca scientifica delle sonorità della Terra, nel nostro caso dell’area del fiume Clitunno e la trasformazione in musica dei dati raccolti sono da stimolo ad una maggiore attenzione alla natura ed all’ambiente che ci circonda. L’evento inoltre rappresenta l’avvio di una serie di appuntamenti estivi proposti dall’ente e dalle associazioni culturali presenti nel territorio comunale realizzati finalmente in presenza». Lo spettacolo è gratuito. «Per l’accesso al sito – spiegano i promotori dell’iniziativa – è previsto una quota di 3€ a persona. Prenotazione obbligatoria entro le ore 12:00 del 24/06/2022 scrivendo a [email protected] o tramite messaggio WhatsApp al n. 3295603345».

Ascoltare la Terra La EMusic (Musica Elettromagnetica) nasce da un’intuizione del geologo Antonio Menghini e del compositore Stefano Pontani e si basa sulla sanificazione della risposta elettromagnetica della Terra, che tramite un sondaggio consente di catturare specifiche note musicali nel sottosuolo. È proprio su questo spartito naturale che il Direttore Artistico Paolo Damiani ha scritto ‘Sounds and Silences of the Earth’, messo in scena dallo stesso Damiani al contrabbasso (in foto, credits: Massimo De Dominicis) insieme a eccellenti solisti: Giovanni Falzone alla tromba, Federico Calcagno al clarinetto basso e Camilla Battaglia, voce. «Questo progetto mi ha sedotto immediatamente – ha dichiarato Paolo Damiani- perché finalmente c’è un’idea precisa e profonda, che è quella di sondare i suoni della Terra su cui camminiamo e nella quale viviamo e respiriamo. Il team di EMusic mi ha inviato questa traccia che io ho riportato fedelmente nello spartito e, intorno a questa base, ho inventato altre soluzioni per stimolare i musicisti ad andare oltre, ad uscire dai pattern ai quali siamo abituati. Nel programma sono presenti anche i contributi degli altri tre musicisti, tutti eccellenti jazzisti e improvvisatori, capaci di andare al di là di ciò che si sa, per provare a inventare nuovi linguaggi all’interno di quel grande contenitore che è la musica jazz. Quella che porteremo in scena è una musica creativa, molto libera, capace di suscitare emozioni e riflessioni». L’evento sarà introdotto dal responsabile scientifico Menghini, che presenterà anche le peculiarità storiche e geologiche che caratterizzano l’area.

GeoRisonanze 2022 Il tour ‘GeoRisonanze’ promosso dall’associazione culturale Kate Creative Studio prevede un totale di otto concerti basati sulla EMusic allo scopo di rilanciare il settore dello spettacolo dal vivo coinvolgendo i piccoli Comuni dell’Umbria Meridionale utilizzando un approccio innovativo e multidisciplinare: gli spettatori avranno infatti modo di vivere un’esperienza in bilico fra arte e scienza, osservando grandi nomi del jazz internazionale cimentarsi nell’interpretazione di uno ‘spartito’ fornito dalla Terra stessa, secondo canoni rigorosamente scientifici. Il progetto è stato realizzato con il sostegno dei Fondi POR FESR Umbria 2014-2020 – Az. 3.2.1 – ‘’Avviso Pubblico per partecipazione Progetto Spettacoli dal Vivo” e la collaborazione di Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Collettivo EMusic e Fondazione Italia Sostenibile, con il patrocinio di Provincia di Terni, Comune di Terni, Associazione I Borghi più belli d’Italia in Umbria, Copagri Umbria e Rete dei Festival. Prossimi appuntamenti: 31 luglio a Porano; 6 agosto a Monte Castello di Vibio; 13 agosto a Monteleone di Spoleto.

I commenti sono chiusi.