Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 16 agosto - Aggiornato alle 05:43

Museo Cervi, primo premio ‘Teatro per la Memoria’ allo spettacolo di Caroline Baglioni e Michelangelo Bellani

Riconoscimento per ‘Mio padre non è ancora nato’ dei due artisti umbri alla rassegna di teatro civile contemporaneo del Festival di Resistenza

Bellani e Baglioni durante la premiazione

Si è svolta a Casa Cervi nell’ambito della Festa della Pastasciutta Antifascista, con oltre 1500 persone, la Premiazione del Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2022 che va a concludere la 21^ edizione del Festival di Resistenza, rassegna di teatro civile contemporaneo, svoltasi dal 7 al 25 luglio sempre con ampia partecipazione di pubblico, ideata e promossa da Istituto Alcide Cervi insieme a Boorea Emilia Ovest, con il sostegno di Proges e Conad. La Giuria, presieduta da Maurizio Bercini e composta da Stefano Campani, Lorenzo Belardinelli, Emilia Bennardo, Giulia Morelli, Daniele Paterlini, Damiano Pignedoli, ha decretato i vincitori di questa edizione assegnando il Primo Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria (2.000 Euro) e il Secondo Premio (1.000 Euro).

Primo premio Il Primo Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2022 va allo spettacolo “Mio padre non è ancora nato” di Caroline Baglioni e Michelangelo Bellani con la seguente motivazione: «Baglioni e Bellani costruiscono uno spettacolo essenziale e potente, fondato su una scrittura affilata e un’azione scenica nitida e carica di valori simbolici. La drammaturgia, articolata su tre registri narrativi, fa sì che la protagonista, anche mediante la relazione con il pubblico, persista ostinatamente nella ricerca di un rapporto – mai facile, spesso conflittuale – con il padre, quasi un estraneo. Il Festival di Resistenza premia questo spettacolo perché attraverso l’esplorazione delle contraddizioni che imbrigliano e lacerano i legami generazionali – non solo a livello intrafamiliare – fa emergere la necessità irriducibile di riallacciarli, mantenerli in vita, farli durare nonostante tutto, per venire a patti con la propria identità, con la propria possibilità di esistenza, con l’avvenire, del singolo e della collettività»

Baglioni-Bellani L’incontro fra i due artisti umbri Caroline Baglioni e Michelangelo Bellani avviene all’interno del gruppo di ricerca teatrale La società dello spettacolo di cui quest’ultimo dal 2007 al 2018 è stato fondatore e codirettore artistico. A seguito del monologo “Gianni” (Vincitore Premio Scenario per Ustica 2015, vincitore InBox 2016, e Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2017) hanno dato vita a un nuovo progetto artistico nel quale è rilevante la collaborazione con il light designer Gianni Staropoli. Lo spettacolo che riceve questo importante riconoscimento nazionale “Mio padre non è ancora nato” è il secondo elemento di una trilogia dedicata ai legami di sangue ed è stato presentato in prima assoluta al Festival dei 2mondi di Spoleto 2018 e successivamente vincitore del bando Visionari al Kilowatt Festival 2019. Il terzo elemento della trilogia “Sempre Verde” ha debuttato nel giugno 2019 all’Asti Teatro Festival. Caroline Baglioni ha vinto il bando come miglior autrice under 40 alla Biennale di Venezia 2019 ed è stata finalista al premio Virginia Reiter come miglior attrice under 35. Attualmente la formazione artistica folignate è in preparazione con una nuova produzione ispirata ai “Sei Personaggi di Lugi Pirandello” che sarà presentata in anteprima a Settembre al “Contempranea Festival” di Prato e debutterà in prima assoluta al “Festival Primavera dei Teatri” di Castrovillari (CS).

I commenti sono chiusi.