lunedì 14 ottobre - Aggiornato alle 08:57

Moon in june, il Premio ‘Sergio Piazzoli’ inaugura il festival: attesi poi Consoli, Bowland e Maria Antonietta

Con la prima edizione del premio all’Estate di San Martino sarà consegnata una targa. Tutti gli orari (andata e ritorno) dei traghetti Tuoro-Isola Maggiore

festival moon in june all'isola maggiore del trasimeno
Moon in june 2019

Venerdì 21 giugno, ad ingresso libero, sarà la novità del Premio ‘Sergio Piazzoli’, in omaggio al promoter perugino scomparso 5 anni fa e a cui è stata intitolata la Fondazione SergioPerLaMusica, ad aprire la quinta edizione del festival ‘Moon in June’. Al centro della serata (con inizio al tramonto, ore 19.30) esibizioni e riconoscimenti che coinvolgeranno gruppi e artisti umbri che si sono contraddistinti nella loro carriera.

Premio Piazzoli L’associazione Moon in June, su indicazione della Fondazione SergioPerLaMusica, assegna così un premio dedicato alla figura del promoter. Un omaggio a chi intuì le suggestioni uniche che solo un concerto al tramonte all’Isola Maggiore può regalare. Il Premio ‘Sergio Piazzoli’ è quindi un riconoscimento che andrà di anno in anno al gruppo o all’artista locale che di volta in volta otterrà ottimi riconoscimenti nell’ambito della sua carriera professionale. La serata del 21 giugno si aprirà con una serie di iniziative musicali all’Isola Maggiore e culminerà con l’assegnazione del premio alla carriera a L’Estate di San Martino, gruppo storico della musica progressive italiana. Oltre a loro ci sarà spazio per il progetto omaggio alle musiche della pianista e compositrice americana Carla Bley, guidato dalla cantante Anna Lince, e per Silvio D’Alessandro & frineds. A completare il tutto anche interventi di Carolina Balucani (attrice) e Mirco Bonucci (chitarra).

Consoli e Bowland ‘Moon in june’ non sarà solo questo. Il tramonto lacustre quest’anno sarà caratterizzato da suggestive atmosfere musicali visti i concerti in programma anche il 22 e 23 giugno. Con il titolo ‘Just like a woman’ quest’anno, per la quinta edizione, il festival torna all’Isola Maggiore del Lago Trasimeno. E sarà appunto un’ondata di universo femminile ad invadere la piccola perla al centro del lago umbro. Si inizia con il trio iraniano-fiorentino dei Bowland, band rivelazione dell’edizione 2018 del talent show XFactor guidati dalla magica voce della cantante Lei Low, con in apertura il reading-concerto anche di Maria Antonietta, una delle giovani voci più interessanti della scena musicale italiana (sabato 22 giugno, ore 19.45, 20 euro + d.p.). Gran finale poi con la ‘cantantessa’ Carmen Consoli (domenica 23 giugno, ore 19.45, 30 euro + d.p.): per l’occasione sarà accompagnata da una formazione unplugged composta da violino (Emilia Belfiore), violoncello (Claudia della Gatta), chitarra e mandolino (Massimo Roccaforte).

Arte e street food ‘Moon in june’ porterà così ancora una volta musica di qualità in scena al tramonto. Ma non solo. Ad arricchire questa edizione anche le installazioni del collettivo di artisti Becoming X i quali faranno dialogare arte visuale e sonorizzazione musicale. Da quest’anno, gli esercenti della piccola isola del Trasimeno, faranno assaggiare prodotti locali attraverso uno street food con prodotti tipici del Trasimeno allestito all’interno delle via principale dell’Isola Maggiore.

Estate di San Martino All’Estate di San Martino sarà assegnata una targa alla carriera. L’Estate di san Martino è un gruppo storico della musica progressive italiana. Nato a Perugia nel 1975, si appresta a festeggiare i 45 anni di attività. Lo scorso anno ha fondato un’associazione che sta sviluppando progetti, soprattutto indirizzati ai giovani, per promuovere l’accesso alla musica in Umbria. Ha registrato quattro dischi: Alder, Febo, Talsete di Marsantino e, l’ultimo, Esm #40. A questi suoi lavori hanno partecipato musicisti del prog italiano e internazionale: da Steve Hackett, chitarrista dei Genesis, alle voci di Francesco Di Giacomo, Banco del Mutuo Soccorso, e Bernardo Lanzetti, Premiata Forneria Marconi; da Francesco Santucci primo sax dell’orchestra moderna della Rai, a Peppe Stefanelli percussionista della Paolo Belli Big Band, da Alessandro Deledda pianista jazz e fondatore della scuola Pano Solo, a Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo, straordinari musicisti fondatori dell’Ensemble Micrologus che hanno con L’Estate di san Martino anche un legame affettivo visto che entrambi i gruppi hanno avuto l’opportunità di avere come amico e musicista Adolfo Broegg. “Siamo onorati – spiega Esm – di ricevere il Premio alla carriera intitolato a Sergio Piazzoli. Per noi Sergino è stato un costante compagno di viaggio. Dal punto di vista artistico abbiamo in più occasioni suonato all’interno della sua straordinaria Stagione di musica d’autore e torniamo all’Isola Maggiore con ancora vivo il ricordo di un nostro concerto proprio in quello che lui riteneva un auditorium naturale, ricavato nel parco di casa sua, di quella che considerava il buen retiro. Con Sergino avevamo inoltre un legame affettivo e anche per questo siamo ulteriormente grati alla Fondazione Sergioperlamusica, al presidente Virgilio Ambroglini e a Patrizia Marcagnani che hanno voluto ricordare con il premio che hanno istituito in suo nome il ruolo che ha svolto Piazzoli per la musica in Umbria. Riceveremo, dunque, questo premio con la consapevolezza del valore che ha e acquisirà nel tempo”. L’Estate di san Martino proporrà per Moon in June la sera del 21 giugno un concerto che spazierà lungo tutto l’arco della sua produzione con brani tratti dai quattro i loro dischi. Sul palco ci saranno anche Goffredo degli Esposti e Gabriele Russo proprio a suggellare una storica collaborazione artistica e di amicizia che del resto lo stesso Sergio Piazzoli aveva incentivato. Questi gli attuali componenti della band: Massimo Baracchi (basso), Luca Castellani (chitarra elettrica), Marco Pentiricci (flauto, chitarra), Andrea Pieroni (voce), Riccarro Regi (chitarra 12 corde), Sergio Servadio (batteria), Stefano Tofi (tastiere).

Omaggio a Carla Bley e non solo ‘Like a Mockingbird: singing the music of Carla Bley’ è il nome del progetto omaggio alle musiche della pianista e compositrice americana Carla Bley, presentato in occasione del Diploma in Jazz della cantante Anna Lince presso il Conservatorio di Perugia. Inoltre grazie al progetto, che è anche inserito nel cartellone di Umbria Jazz nella sezione dei concerti del Conservatorio, Lince ha vinto una borsa di studio per gli studenti più meritevoli. Formazione: Anna Lince (voce, arrangiamenti, composizioni, testi), Manuel Magrini (pianoforte), Pietro Paris (contrabbasso), Lorenzo Brilli (batteria), Riccardo Catria (tromba, flicorno), Francesco Cioffi (clarinetto), Francesco Angeli (sassofono), Andrea Angeloni (trombone). Ma la prima giornata di Moon in june prevede anche l’esibizione di Silvio D’Alessandro & frineds. D’Alessandro, psichiatra che vive e lavora a Perugia, ha scritto “Gardè”, il brano dedicato al sindaco di Riace Mimmo Lucano, interpretato magistralmente dal vocalist dei Nomadi Danilo Sacco nel suo ultimo album e che sta avendo un successo inaspettato. L’autore del testo è infatti lo stesso psichiatra di origini calabresi, di Paola, ma una vita intera trascorsa a Perugia ad aiutare i più deboli. Si esibiranno: Silvio D’Alessandro (voce), Leopoldo Calabria (chitarre), Umberto Ugoberti (fisarmonica), Andrea Agostini (clarinetto), Giorgio Panico (basso), Paolo Micheli (chitarra), Mattia Mattoni (batteria).

Orari traghetti
Venerdì
partenza da Tuoro: h. 16,10 / 17,40 / 19,30
ritorno per Tuoro: h. 23
Sabato
partenze da Tuoro: h.16,10 /17,40 /19,30
ritorno per Tuoro: h. 23 – 23,40
Domenica
partenze da Tuoro: h. 17.00 / 17.40 /18,20 /19,00
ritorno per Tuoro: h. 23,00 / 23,40/ 00,20

Info Prevendite biglietti per il 22 e 23 giugno ancora disponibili online: www.ticketone.it.
Per info e contatti: www.mooninjune.it – [email protected] – tel. 3319488452.

I commenti sono chiusi.