Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 novembre - Aggiornato alle 21:34

Luoghi del cuore Fai, Terence Hill da Amelia: «Votate il Rio grande, qui imparai a nuotare»

L’attore Mario Girotti rivolge un appello a tutti i suoi fan perché partecipino al censimento del Fondo ambiente italiano, c’è tempo fino al 15 dicembre

C’è ancora tempo fino al 15 dicembre per prendere parte alla maratona Fai (Fondo ambiente italiano) che nel tempo ha permesso il recupero e la valorizzazione di centodiciannove luoghi d’arte e di natura in diciannove regioni italiane. terence Hill spinge per il Rio grande della sua Amelia.

Fai La rete umbra delle delegazioni e dei gruppi Fai e Fai giovani supporta la raccolta firme e la valorizzazione di sedici beni tra cui nel Folignate il santuario della Madonna della Valle di Bevagna, la torre di Montefalco, San Giovanni Battista alle Puelle e il ricordo di Gigino e l’antica via di Per-canestro; nel Trasimeno la chiesa di Sant’Angelo al Monte di Città della Pieve; nel Perugino il complesso monumentale Santa Giuliana e il cimitero monumentale di Perugia; nel Tifernate l’abbazia di Badia Petroia; nell’Eugubino la chiesa di San Felicissimo; nel Gualdese l’eremo del beato Angelo il laghetto dei frati; nel Tuderte il tempio della Consolazione e nell’Orvietano le Officine centrale Netti e il belvedere dalla Pineta di Castel Viscardo. Nel Ternano, invece in lizza l’ex casa di riposo di Colle dell’Oro di Terni, l’eremo di Sant’Antonio a Polino e il bacino di Rio Grande di Amelia. Per il voto a quest’ultimo, ecco l’appello di Terence Hill. In un video il famoso attore originario di Amelia racconta di aver imparato proprio lì a nuotare e rende gli spettatori partecipi del suo legame con la terra d’origine. Da parte sua la spinta a valorizzare quel patrimonio: «È stato trascurato, non è più limpido come un tempo».

Come votare Sarà possibile esprimere una preferenza fino al 15 dicembre accedendo al sito www.iluoghidelcuore.it. I luoghi più votati verranno premiati, dietro presentazione di un progetto di recupero, con finanziamenti in denaro di euro 50mila al primo classificato, 40mila al secondo e 30mila al terzo.

I commenti sono chiusi.