mercoledì 8 luglio - Aggiornato alle 03:34

L’Umbria post-Covid riparte con un super agosto: dopo Spoleto e Umbria Jazz confermato anche Todi

I due festival principali salvati in versione ridotta. Ruggiano: «Date al vaglio» e a Città di Castello si aspetta nuovo Cda

©️Fabrizio Troccoli

di Chiara Fabrizi

Prima la decisione di salvare il Due Mondi di Spoleto con un programma di quattro giorni, ora già salito a otto. Poi Umbria Jazz che scopre le carte e si dice pronta a “tornare on the stage” per altri quattro giorni. Più Todi e Città di Castello entrambe al lavoro per difendere i propri festival. Si prospetta un mese di agosto ad altissima concentrazione di eventi culturali in Umbria dove, mentre il silenzio del lockdown inquietava, le grandi manifestazioni hanno cancellato lo spartito fin lì scritto per comporre una nuova musica, che insieme alla prosa sarà protagonista.

Umbria Jazz 7-10 agosto L’incertezza del Covid-19 ha fatto del calendario tradizionale dell’Umbria carta straccia, lasciando a tutti la libertà di muoversi in ordine sparso da un mese all’altro, ma non ci si è fermati, col risultato che ai primi di giugno, coi confini regionali ancora chiusi per 48 ore, in Umbria si va componendo un calendario di appuntamenti molto fitto, in cui si è ritagliata un posto anche Foligno, che farà tornare in pista anche i cavalli per la Quintana, la giostra storica più celebre del territorio. Una miscela di appuntamenti che abbraccia diversi angoli dell’Umbria e, stando ai piani attuali, verrebbe aperta da UJ a Perugia dal 7 al 10 agosto, anche se non è esclusa l’estensione. Con quale programma il direttore salverà la stagione estiva non è ancora noto e occorrerà attendere qualche giorno per capire chi suonerà nell’edizione ridotta dal Covid-19, dove e con quali modalità, ma certo è fin da ora, come ha assicurato la Fondazione, che in Umbria arriverà il meglio del jazz italiano.

Due Mondi 20-23/27-30 agosto Giocoforza è interamente made in Italy anche il Due Mondi di Spoleto, che ha bruciato tutti, riposizionandosi nei due weekend lunghi di agosto, ossia dal giovedì alla domenica, dal 20 al 23 e dal 27 al 30. L’ultimo Festival del direttore artistico Giorgio Ferrara è praticamente confezionato: Riccardo Muti, Monica Bellucci, Luca Zingaretti ed Emma Dante sono i protagonisti principali del cartellone anti Covid-19 che conta otto serate tra piazza Duomo e il Teatro Romano, location all’aperto che in base alle linee guida per il pubblico spettacolo dovrebbero accogliere 600 e 250 persone.

«Il Todi Festival si farà» Il riposizionamento di Spoleto “disturba” un po’ il Todi Festival, tradizionalmente di scena tra fine agosto e i primi di settembre. L’organizzazione, guidata da Eugenio Guarducci, non ha ancora ufficializzato l’edizione ai tempi della pandemia, ma a Umbria24 il sindaco Antonino Ruggiano, lunedì mattina, ha annunciato che «il Todi Festival si farà: con Guarducci – ha detto – abbiamo fatto di tutto per salvarlo e il cerchio sarà chiuso in settimana, posso però dire che il concerto finale in piazza sarà molto importante quest’anno». Le date inizialmente definite dalla manifestazione erano quelle dal 29 agosto al 6 settembre e in queste ore si sta ragionando sul calendario, per considerare l’opportunità di evitare di sovrapporsi con Spoleto, specie nell’anno in cui si scampa la sovrapposizione parziale ma storica tra il Due Mondi e Umbria Jazz. A giorni si conosceranno le date ufficiali e il programma di Todi.

Città di Castello aspetta il Cda Un paio di settimane, ancora, potrebbero invece servire al Festival delle Nazioni di Città di Castello, anche questo generalmente in programma a San Domenico tra la fine di agosto e i primi giorni di settembre: «C’è l’intenzione di organizzarlo in formato ridotta – ha detto lunedì mattina a Umbria24 l’assessore alla cultura Vincenzo Tofanelli – ma siamo in attesa dell’assemblea dei soci che dovrà rinnovare il Consiglio di amministrazione, dopodiché definiremo l’edizione». In questo caso il riposizionamento non appare neanche necessario. Resta scoperto il weekend lungo di Ferragosto, che di solito si trascorre lungo la costa, ma per sfuggire all’immancabile canicola estiva ci si potrebbe rifugiare a Cantine aperte tra le botti di giorno e in mezzo alle vigna di sera.

@chilodice

I commenti sono chiusi.