domenica 29 marzo - Aggiornato alle 14:13

Le varie ‘Linee d’Umbria’ in mostra: arte contemporanea alla Rocca di Umbertide

Una selezione ampia di artisti umbri, per nascita o per residenza, curata da Giorgio Bonomi e in esposizione fino al 14 marzo

Linee d'Umbria, la mostra ad Umbertide

di D.N.

Una suggestiva mostra d’arte contemporanea è in arrivo ad Umbertide. ‘Linee d’Umbria’ è il titolo dell’esposizione in programma dal 22 febbraio al 14 marzo alla Rocca di Umbertide – Centro per l’Arte Contemporanea. L’inaugurazione è prevista sabato alle ore 17, alla presenza del sindaco e dell’assessore alla Cultura del Comune di Umbertide, Luca Carizia e Sara Pierucci, oltre che del curatore Giorgio Bonomi che afferma: «Riprendo per questa mostra il titolo di un’altra esposizione da me curata nel lontano 1987 presso il Palazzo dell’Unesco a Parigi. Ora ho scelto una selezione abbastanza ampia di artisti “umbri”, per nascita o per residenza, con molti dei quali ho già lavorato mentre con altri mi confronto per la prima volta». L’evento è organizzato dall’assessorato alla cultura di Umbertide, con il contributo di Regione Umbria.

Linee d’Umbria In questa mostra sono presenti varie tendenze stilistiche, varie modalità tecniche, varie generazioni anagrafiche: ecco perché Bonomi parla di “linee” al plurale. «Nell’insieme – spega Bonomi – viene documentata la pluralità delle diverse esperienze artistiche presenti nel territorio che è una “terra di maestri”, come forse un po’ esageratamente anni fa furono intitolate una serie di mostre sull’arte del Novecento umbro, cioè una regione piena di artisti di grande livello e spessore, documentati dai loro successi, in Italia e all’estero».

Artisti Abbiamo, così, opere di artisti già molto affermati, quali Giuliano Giuman, l’artista del vetro e del fuoco; Bruno Ceccobelli con un lavoro fortemente simbolico; Graziano Marini invece con un’astrazione dai colori lirici e Mario Consiglio che presenta un’opera composta con vari materiali. Allo stesso tempo sono presenti artisti, altrettanto bravi ma che, per ragioni anagrafiche o biografiche, hanno un’altra visibilità. Si presentano pittori dalle forti cromie come Ferruccio Ramadori, l’unico presente anche alla mostra nel Palazzo dell’Unesco; Sergio Cavallerin con la sua ironia “estroflessa”; Massimo Diosono con la sua nera cenere, Danilo Fiorucci con il nero del bitume accanto al colore. Diversa è la poetica di David Pompili che riprende, su un piano engagé, la pop art; e sulla stessa linea è il simbolico lavoro di Massimiliano Poggioni. Un altro tipo di “pittura” è quella di Laura Patacchia che sostituisce colori e tela con spilli e velluto; mentre pongono al muro l’opera anche lo scultore Marino Ficola e Lucilla Ragni che è pittrice, testimonianze, queste, dell’odierno superamento dei generi tecnici nell’arte. Abbiamo poi una serie di scultori che operano con vari materiali: Eraldo Chiucchiù presenta una porcellana invetriata che appare come marmo; come l’opera, in calce solidificata, di Toni Bellucci; Tonina Cecchetti espone una sua “bambina” che se non è proprio cinica è certo ironica e inquietante. I due fratelli gemelli Auro e Celso Ceccobelli che lavorano assieme hanno creato un’opera che risente del ready made e di quello che Argan chiamava “bricolage”. Il duo, costituito dai coniugi Sandford&Gosti che lavorano a quattro mani, mostra una scultura “aerea” che pende dall’alto del soffitto, mentre Vittoria Mazzoni e Stefano Bonacci posizionano davanti a una loro scultura un loro disegno. Infine abbiamo le opere di tre giovani artisti: una poetica fotografia di Flavia Antoniazzi; una pittura “neoromantica” di Edoardo Cialfi e un “disegno” costruito con il filo di ferro di Gabriele Verducci.

Info Alla Rocca ci saranno quindi opere di: Flavia Antoniazzi, Toni Bellucci, Stefano Bonacci, Sergio Cavallerin, Tonina Cecchetti, Auro e Celso Ceccobelli, Bruno Ceccobelli, Eraldo Chiucchiù, Edoardo Cialfi, Mario Consiglio, Massimo Diosono, Marino Ficola, Danilo Fiorucci, Giuliano Giuman, Gosti & Sandford, Graziano Marini, Vittoria Mazzoni, Laura Patacchia, Massimiliano Poggioni, David Pompili, Lucilla Ragni, Ferruccio Ramadori, Gabriele Verducci. ORARIO DI APERTURA: dal martedì alla domenica, compresi festivi (10.30 / 12.30 – 16,30 / 18.30); lunedì chiuso.

I commenti sono chiusi.