venerdì 19 aprile - Aggiornato alle 22:27

Laura e il suo ‘turning’ point da ragazza indipendente a malata di sclerosi: ecco il suo blog

I racconti della giornalista perugina con uno stile limpido, asciutto che sa dare carezze e schiaffi ma sempre combattivo e mai rassegnato

Laura Santi

di Ivano Porfiri

«Il mio turning point è stato quando la neurologa a fine 2015 mi disse “la sua sclerosi multipla è diventata progressiva“. Dopo 20 anni di malattia, quello è stato il turning point della mia vita di malata. Da allora niente è più stato lo stesso». A scrivere è Laura Santi, giornalista perugina che, domenica 13 gennaio, in occasione del suo 44esimo compleanno, ha lanciato il suo nuovo blog La vita possibile – Uno sguardo senza filtro sul vivere con la sclerosi multipla.

Nel post in cui lo presenta ‘Il turning point e le vite possibili’ ripercorre gli istanti in cui la sua vita è cambiata «e da donna giovane, indipendente, attiva, sono diventata un soggetto da assistere». Per cui il suo blog «non è tanto sulla sclerosi multipla, quanto sulla sclerosi multipla progressiva. E non mi azzardo né aspiro a dare spiegazioni sulla SM in generale, su cui esistono già risorse complete, autorevoli e affidabili. Ci saranno invece pezzi di vita, episodi, frammenti, per raccontare che cosa significa perdere l’autonomia anche nei più piccoli gesti quotidiani, essere monopolizzata dal corpo e dai suoi sintomi. Non avere più in testa lavoro, carriera, progetti, matrimonio, maternità, o più banalmente i gesti che fanno di tutti noi delle persone autonome».

Laura li racconta – nel blog ci sono anche articoli precedenti – con uno stile limpido, asciutto, senza fronzoli. Uno stile che sa darti carezze e schiaffi. Ma che fa trasparire ad ogni parola la sua caparbietà, la tenacia, l’amore del suo compagno e “caregiver” Stefano, che per lei ha cambiato lavoro e stile di vita. Racconti da cui traspare alcune volte rabbia, frustrazione, ma sempre positivi, mai di rassegnazione. Un documento da leggere e condividere.

I commenti sono chiusi.