domenica 22 settembre - Aggiornato alle 14:33

L’Agorà ambientale di ‘Universo Assisi’: dall’ecologia culturale all’ecologia umana. L’edizione 2019

Presentato il cartellone del festival di cultura, musica, arte, danza, architettura, teatro per un crocevia di eventi con, tra gli altri, Hooverphonic, Bombino, Subsonica e Mogol

Universo Assisi

di Danilo Nardoni

Saranno le piazze, oltre ai luoghi segreti e più nascosti della città, le protagoniste di Universo Assisi. Piazza del Comune, Santa Chiara, Sagrato della Basilica, San Rufino e anche quella della Lyrick arena per uscire fuori dalle mura del centro storico. ‘Universo Assisi’, insomma, come un’Agorà della contemporaneità, che si muove dall’ecologia culturale all’ecologia umana. La terza edizione della manifestazione si presenta così. Dal 20 al 28 luglio torna con un programma ricco di proposte originali e innovative per trasformare la città serafica in un festival di cultura, musica, arte, danza, architettura, teatro e in un crocevia di eventi, concerti, dibattiti e performances nei luoghi più suggestivi, soprattutto le piazze, e anche più segreti. Sono attesi pure ospiti musicali come i Subsonica, Bombino e Hooverphonic.

Terza edizione Sostenibilità ambientale, arti performative e design sono le altre “sfumature” che declinano ‘Universo Assisi’, come è stato ricordato durante l’annuncio del cartellone e delle novità, avvenuto nella Sala Pagliacci del Palazzo della Provincia di Perugia alla presenza tra gli altri di Joseph Grima, direttore artistico, e Mogol, paroliere-poeta della musica italiana che sarà uno degli ospiti. Grima ha subito ricordato che si è voluta aumentare l’offerta artistica «per favorire un movimento continuo di pubblico, sia esso turistico, di prossimità o di cittadini» e che il festival, arrivato alla terza edizione, «inizia a prendere valore con il suo ripetersi e il suo legarsi sempre più con la città che si plasma con l’energia che scaturisce dalle iniziative».

Sostenibilità ambientale Il filo conduttore che caratterizza l’edizione 2019 del festival – è stato più volte ribadito dagli organizzatori con in prima fila il Comune di Assisi e il sindaco Stefania Proietti – è il tema della sostenibilità ambientale, «perché proprio quest’anno ricorre il quarantesimo anniversario della proclamazione di San Francesco a patrono dei cultori dell’ecologia, e una manifestazione come ‘Universo Assisi’ è con convinzione all’insegna del rispetto della natura, all’insegna dell’ecologia ambientale e dell’ecologia umana, a partire dalle scelte tecniche di organizzazione all’utilizzo di materiali non inquinanti, alla messa al bando dell’acqua nelle bottiglie di plastica con l’uso di borracce e fontane pubbliche, all’individuazione di location che permettono l’esaltazione della bellezza paesaggistica di Assisi».

Apertura e chiusura Tutta la città verrà coinvolta nei suoi luoghi simbolo e in luoghi segreti e sconosciuti, e per la prima volta avrà come palcoscenico il Sagrato della Basilica Superiore di San Francesco, dove prenderanno vita i due eventi di apertura e chiusura: il 20 luglio ‘Emozioni’ di e con Mogol, uno spettacolo con 16 elementi in scena che ripercorre la storia dello straordinario sodalizio con Lucio Battisti; il 28 luglio con Kronomakia, spettacolo che unisce la musica storica dei Micrologus e di Patrizia Bovi all’eclettismo contemporaneo e sopra le righe di Daniele Sepe.

Piazza dell’architettura Altra novità è la creazione di una Piazza dell’Architettura, che trova spazio sotto le arcate della Basilica di Santa Chiara, con la firma dell’Open Design School di Matera a suggello della collaborazione tra la capitale della Cultura europea 2019, di cui Grima è stato l’artefice, e Assisi. «Un esperimento straordinario di architettura urbana e sociale che vuole mostrare come sia possibile la convivenza tra idee contemporanee e la bellezza senza tempo dei monumenti storici» ha affermato il direttore artistico.

Musica Anche la Lyrick Summer Arena sarà una “piazza”, quella riservata ai grandi eventi. Si parte il 23 luglio con la band dei Subsonica. Al concerto seguirà un’esclusiva assoluta per ‘Universo Assisi’ e cioè la performance speciale del 24 luglio alle ore 18 sui “mitici” Stazzi del Parco del Monte Subasio. Il pubblico è invitato a raggiungere a piedi il luogo, per vivere un’esperienza unica in cui gli artisti racconteranno in musica le proprie esperienze letterarie. Firmati con il Riverock festival saranno invece gli appuntamenti del 24 luglio (spettacolo di danza ‘Shine Pink Floyd Moon’) e del 27 luglio (serata con la storica band belga degli Hooverphonic). Sul Sagrato del Duomo di San Rufino sono previsti poi due concerti il 25 e il 26 luglio dedicati alla world music: il primo con Goumar Almoctar, detto Bombino, il re del desert blues, e il secondo con Kyoshindo, formazione artistica impegnata a far conoscere il Taiko in Italia.

Agorà Tra le novità, inoltre, anche quella della Piazza del Comune che diventerà l’Agorà di ‘Universo Assisi’. Tutti i giorni dalle 18 alle 22 si alterneranno eventi musicali (anche in collaborazione con il Conservatorio di Perugia) e talk di livello nazionale e internazionale. Una importante sezione in collaborazione con la Fia (Fondazione Internazionale Assisi) del presidente Giulio Franceschini. Ad animare la Piazza del Comune dj set e musica dal vivo, e anche laboratori per bambini, incontri e altre performances a sorpresa. Sempre qui, il 26 luglio si ricorderà anche la celebrazione del cinquantesimo anniversario del gemellaggio di Assisi con San Francisco che, sempre nel mese di luglio, dal 9 all’11, prevede una serie di festeggiamenti per incorniciare l’evento.

Teatro Per il teatro il festival propone una trilogia dedicata a Pier Paolo Pasolini, per raccontare il legame profondo che unisce il grande intellettuale ad Assisi, oltre agli spettacoli realizzati in vari luoghi della città in collaborazione con il Piccolo Teatro degli Instabili. Un altro aspetto del festival è rappresentato dalla valorizzazione dei Secret Places, i luoghi segreti della città, meno conosciuti, meno esplorati che vedranno l’esibizione di attori, danzatori e musicisti.

Anteprime Due infine le anteprime, con il supporto del Sacro Convento di Assisi: il 21 e il 23 giugno rispettivamente con un concerto all’alba sul Sagrato della Basilica di San Francesco grazie all’Orchestra del Conservatorio di Perugia e con un concerto al tramonto davanti al Sagrato del Convento di San Damiano.

I commenti sono chiusi.