Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 21 ottobre - Aggiornato alle 17:47

Jazz Club Perugia, riparte la stagione: i primi quattro concerti per il 2021

Per l’avvio protagoniste canzoni e musica dal Brasile con il duo Martins-Morelenbaum. A seguire il trio di Christian Sands e di George Cables, con Odorici, e il Peter Bernstein Quartet

Fred Martins e Jaques Morelenbaum

di D.N.

Il 22 ottobre riparte la stagione del Jazz Club Perugia. Subito protagoniste canzoni e musica dal Brasile con un duo raffinato e intimista composto da Fred Martins e Jaques Morelenbaum. Anche quest’anno la stagione rientra tra gli eventi organizzati da Umbria Jazz che, in una nota, ringrazia per il sostegno alla stagione il Comune di Perugia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Rassegna che rappresenta il trait d’union tra i festival, dando vita ad una lunga stagione musicale che offrirà agli appassionati un cartellone ricco ed eterogeneo.

Concerti Sono infatti in programma per il 2021 anche altri concerti, per un totale di 4 appuntamenti: dopo la coppia Martins-Morelenbaum (22 ottobre), il 4 novembre il trio del pianista Christian Sands (Yasushi Nakamura – contrabbasso, Ryan Sands – batteria), il 15 novembre il quartetto del chitarrista Peter Bernstein (Sullivan Fortner – pianoforte, Doug Weiss – contrabbasso, Roberto Gatto – batteria) e il 3 dicembre il trio di George Cables, al piano, con Piero Odorici al sax special guest (Darryl Hall – contrabbasso, Jerome Jennings – batteria).

Avvio di stagione Vengono entrambi da Rio de Janeiro Fred Martins, cantante, chitarrista e compositore, esponente di spicco delle ultime generazioni di cantautori di quella inesauribile scuola, e Jaques Morelenbaum, violoncellista e intellettuale della scena brasiliana contemporanea, musicista famoso a livello planetario. Martins ha creato un repertorio che affonda le radici nella grande tradizione dei compositori brasiliani, di cui tra l’altro è straordinario conoscitore essendo stato uno dei trascrittori dei preziosi songbook della Lumiar curati da Almir Chediak e poi usati da tutti. Con uno stile più moderno Martins opera un mix di samba (che resta alla base di tutto), bossa nova, jazz, blues, rock, flamenco, fado, e altro ancora. Morelenbaum è stato spesso associato ai più importanti artisti brasiliani, a cominciare da Tom Jobim con il quale vinse pure un Grammy per il disco Antonio Brasileiro. Morelenbaum oltre che un virtuoso del violoncello di estrazione classica, è anche compositore, arrangiatore, direttore, produttore. Fuori dal Brasile ha collaborato con personaggi come Ryuichi Sakamoto, David Byrne, Madredeus, Paolo Fresu.

Info Sede dei concerti sarà anche quest’anno l’Hotel Sina Brufani, e tutti i concerti avranno inizio alle 21,15. A causa delle disposizioni anti-covid la platea avrà una capienza ridotta e i biglietti, 15 € prevendita inclusa, saranno a breve acquistabili esclusivamente online. Come fa sapere Umbria Jazz, non sarà possibile, sempre per le normative anti-covid, riproporre il tradizionale buffet prima del concerto.

I commenti sono chiusi.