Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 29 novembre - Aggiornato alle 21:32

Il Raffaello ‘giullaresco’ di Matthias Martelli in replica anche a Terni dopo l’anteprima regionale a Foligno

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria insieme a Doc Servizi, per due sere fa tappa anche al Teatro Secci

Raffaello, scritto e interpretato da Matthias Martelli

di D.N.

Giovedì 10 giugno, alle 21, all’Auditorium San Domenico di Foligno arriva l’attesa anteprima regionale di ‘Raffaello Il figlio del vento’, scritto e interpretato dall’attore, performer e giullare Matthias Martelli. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria insieme a Doc Servizi, replica anche al Teatro Secci di Terni, venerdì 11 e sabato 12 giugno, alle ore 21. Uno spettacolo che vuole essere celebrazione della vita di un genio, ma anche la risposta a un’esigenza del presente: oggi, come non mai, è necessario puntare a un nuovo Rinascimento dell’arte e della cultura nel nostro Paese.

Teatro giullaresco e di narrazione Matthias Martelli, accompagnato dalle musiche dal vivo del Maestro Castellan, riprende la tradizione del teatro giullaresco e di narrazione in un racconto avvincente e poetico su un grande genio dell’umanità: Raffaello Sanzio e trascina lo spettatore all’interno di un viaggio appassionante, rendendo vivi i personaggi, entrando con le immagini e le parole dentro i capolavori del grande artista, scoprendo le curiosità, i suoi amori e immergendosi nel clima dell’epoca. Considerato simbolo di grazia e perfezione, la vita del pittore divino esplode non solo di arte pura ma anche di felicita, eros, sfide, contraddizioni e perfino polemiche con l’autorità e il senso morale del tempo. “Mi sono chiesto chi fosse realmente Raffaello – dice Matthias Martelli – chi ci fosse dietro all’immagine stereotipata che tutti abbiamo in mente: un ragazzo perfetto, tranquillo, modesto. Più andavo avanti nella ricerca più emergeva la figura di un genio multiforme e affascinante, capace di meravigliarsi come un bambino, disponibile ad apprendere come un eterno allievo, dotato di uno straordinario talento umano e artistico che gli ha permesso di esprimere tutto il suo genio creativo all’interno di una vita felice, piena e rocambolesca”.

Info e biglietti Per gli abbonati della Stagioni di Prosa 2019/2020 sono previsti biglietti ridotti. Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

I commenti sono chiusi.