Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 16:48

Il fenomeno cinematografico ‘Freaks Out’: Gabriele Mainetti a Perugia ospite del PostModernissimo

Domenica il regista romano di ‘Lo chiamavano Jeeg Robot’, uno dei più amati degli ultimi anni, incontrerà il pubblico perugino: «Un racconto d’avventura ma anche una riflessione sulla diversità»

Freaks Out

di D.N.

Sarà ospite del PostModernissimo domenica, 21 novembre, uno dei registi più amati degli ultimi anni, Gabriele Mainetti. Il regista romano presenterà al pubblico perugino il suo Freaks Out, dopo la proiezione delle 16.30. A moderare l’incontro sarà il critico Andrea Fioravanti.

Film L’autore de ‘Lo chiamavano Jeeg Robot’ ha presentato in Concorso alla 78a Mostra del Cinema di Venezia la sua ultima opera, ricevendo il premio Leoncino d’Oro 2021. Secondo molti critici Freaks Out rappresenta una delle possibile nuove strade per il cinema italiano, uno spettacolo dai contorni sinistri ma anche accecante, “un cinema di una generosità totale” (Simone Emiliani, sentieriselvaggi.it). Si tratta di una coinvolgente favola sulla diversità, ambientata nella Roma del ’43, con uno strambo quartetto di personaggi in lotta contro i nazisti. Un vero kolossal di cinema fantastico italiano, con un concentrato di grandi effetti speciali, divertimento, avventura, spettacolo esplosivo. Nella pellicola recitano tra gli altri Pietro Castellitto, Claudio Santamaria e Giorgio Tirabassi.

L’autore Così presenta il film il regista stesso: «Freaks Out nasce da una sfida: ambientare sullo sfondo della pagina più cupa del Novecento un film che fosse insieme un racconto d’avventura, un romanzo di formazione e – non ultima – una riflessione sulla diversità. Per farlo ci siamo avvicinati alla Roma occupata del 1943 con emozione e rispetto, ma allo stesso tempo abbiamo dato libero sfogo alla fantasia: sono nati così i nostri quattro freak, individui unici e irripetibili, protagonisti di una Storia più grande di loro».

Sinossi Roma, 1943: Matilde, Cencio, Fulvio e Mario vivono come fratelli nel circo di Israel. Quando quest’ultimo scompare misteriosamente, forse in fuga o forse catturato dai nazisti, i quattro “fenomeni da baraccone” restano soli nella città occupata. Qualcuno però ha messo gli occhi su di loro, con un piano che potrebbe cambiare i loro destini… e il corso della Storia.

Info I biglietti per l’appuntamento di domenica sono già acquistabili online al link www.liveticket.it/postmodernissimo o presso la biglietteria del cinema, aperta tutti i giorni dalle ore 16.30 alle 22. L’ingresso in sala è consentito solo mostrando il proprio Green Pass (esclusi under 12).

I commenti sono chiusi.