Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 3 luglio - Aggiornato alle 10:48

I regali di Natale del Due Mondi di Spoleto: concerto con Nicola Piovani, rassegna digitale e mostra

Torna in scena il festival al Teatro Nuovo con il celebre compositore. Prosegue anche la rassegna ‘Rewind’ e l’esposizione a Palazzo Collicola. Il 10 gennaio anteprima della 65esima edizione

Nicola Piovani

di D.N.

Il Festival di Spoleto si prepara al nuovo anno con un palinsesto di iniziative per augurare Buone Feste al suo pubblico e alla città. Giovedì 23 dicembre alle ore 20.30 appuntamento al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti per il Concerto di Natale, con il pianista, compositore e direttore Nicola Piovani che a Spoleto presenta La musica è pericolosa – Concertato (Biglietti da €10 a €30 in vendita su www.festivaldispoleto.com). Sul sito ufficiale del Festival (www.festivaldispoleto.com), inoltre, già da alcuni giorni vengono ospitati tre spettacoli di teatro e danza dalla sessantaquattresima edizione, disponibili per la visione gratuita e on demand, dal titolo Spoleto 64 “Rewind”. Prosegue inoltre a Palazzo Collicola la mostra ‘Frammenti di un percorso teatrale’ (giorni e orari di apertura su www.festivaldispoleto.com – ingresso gratuito), una selezione di costumi d’epoca e un omaggio alle maestranze che hanno collaborato con il Festival. Tutto questo in attesa della 65esima edizione che con un’anteprima sarà svelata nel corso di una conferenza stampa annunciata per il 10 gennaio prossimo.

Piovani Il Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti ospita il concerto dell’autore premio Oscar nel 1999 per le musiche del film La vita è bella di Roberto Benigni: in La musica è pericolosa Piovani si esibisce con il suo ensemble alternando brani inediti e nuovi arrangiamenti delle sue più note composizioni, uno spettacolo non solo di parole e musica, ma anche di immagini di film e di grandi artisti come Milo Manara che hanno tratto ispirazione dalle partiture di Piovani. Un inno alla musica perché le canzoni vivono nell’aria, attraversano la nostra vita, abitano i nostri sogni. Il segno che una canzone lascia nel tempo è qualcosa che sfugge all’analisi critica, “una delle testimonianze più irrazionale e convincenti dell’essenza del soprannaturale” per dirla alla Piovani. Lo accompagnano sul palcoscenico Marina Cesari al sax e clarinetto, Pasquale Filastò al violoncello, chitarra e mandoloncello, Ivan Gambini alla batteria e alle percussioni, Marco Loddo al contrabbasso e Sergio Colicchio alle tastiere e alla fisarmonica.

Mostra Continua a Palazzo Collicola la mostra Frammenti di un percorso teatrale (ingresso gratuito, giorni e orari di apertura su www.festivaldispoleto.com), prima tappa del lavoro di restituzione al pubblico dei costumi custoditi dagli Archivi del Festival dei Due Mondi. Nella mostra a Palazzo Collicola si potranno ancora ammirare gli abiti del Naso di Šostakovič e del Duca d’Alba, realizzati a Spoleto rispettivamente nel 1995 e nel 1992; i costumi de Les contes d’Hoffmann, del 1989, affiancati da un fondalino realizzato all’epoca dalla scenografia Mattei di Roma e riadattato a Spoleto da Anna Valentini e da Moreno Bizzarri, scenografo del Festival che ne ha curato l’attuale restauro. Oltre alla sezione dedicata ai costumi d’epoca, la mostra dà risalto al lavoro delle maestranze che col Festival hanno collaborato in anni recenti, esponendo i costumi di alcune fra le opere prodotte dal Festival negli ultimi dieci anni (Gogo No Eiko, Amelia al ballo e Le nozze di Figaro). Firmati dal costumista Maurizio Galante, gli abiti esposti sono stati realizzati dalla sartoria del Festival. A completare il percorso espositivo una selezione di fotografie d’epoca che raccontano momenti del Festival e della vita culturale della città.

Palco digitale Lunedì 27 dicembre alle ore 21 la rassegna digitale “Spoleto 64 Rewind” continua con Strehler 100, l’omaggio al grande regista italiano in occasione del centenario della nascita. Al Teatro Romano, la serata ha ripercorso la vita di Giorgio Strehler attraverso lettere autografe, brani teatrali e appunti di prove, letti e raccontati da un cast d’eccezione che ha visto la partecipazione di Andrea Jonasson, Giulia Lazzarini, Pamela Villoresi e Margherita Di Rauso, con la regia di Lluís Pasqual e le note del Quartetto del Teatro Regio Torino, accompagnato al pianoforte da Carlo Caputo su musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Franz Schubert, Fiorenzo Carpi e Kurt Weill. «Ci siamo innamorati durante le prove. Mi si metteva spalla a spalla per incitarmi. Erano scene molto arrabbiate, di guerra. Poi, tra le battute, mi sussurrava: “Ti amo, ti amo…”» racconta Andrea Jonasson in un’intervista. Venerdì 7 gennaio alle ore 21 l’ultimo appuntamento è con Coin operated, provocatoria installazione performativa dei coreografi Jonas & Lander andata in scena nella Chiesa di Sant’Agata. Jonas Lopes e Patrick Lander siedono immobili su due cavalli da giostra meccanici, fino a quando uno degli spettatori non decide di attivare la performance introducendo nel meccanismo una moneta da 1€. A ogni moneta il rapporto tra performer e pubblico si fa sempre più coinvolgente, divertente, disturbante.

I commenti sono chiusi.