Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 23:04

Gubbio celebra l’arte e il genio di Leonardo da Vinci: in mostra le sue macchine

«Vietato non toccare» è la parola d’ordine della mostra inaugurata a Gubbio per celebrare l’arte e il genio di Leonardo da Vinci. Nella cornice di palazzo dei Consoli saranno esposte fino al primo maggio 2023 macchine militari, di ingegneria civile e idraulica, accanto a studi per il volo ed oggetti curiosi. Alcune ricostruzioni di macchine leonardesche si possono ammirare anche in suggestivi spazi esterni del centro storico di Gubbio. L’esposizione, dal titolo «L’ingegno di Leonardo. Le macchine», è promossa dal Comune e Gubbio Cultura e Multiservizi, con il contributo della Regione Umbria e in collaborazione con il Museo Leonardo da Vinci di Firenze. Leonardo ha disegnato i progetti di alcune delle più importanti innovazioni nella storia dell’ingegneria.

Oltre 50 modelli Nella mostra a palazzo dei Consoli si potranno ammirare oltre 50 modelli in scala di varie dimensioni, fedelmente ricostruiti a mano utilizzando i materiali dell’epoca, cioè legno, cotone, ottone, ferro e corde. Sono opera di Carlo Niccolai prima e del figlio Gabriele oggi, titolare del Museo delle Macchine di Leonardo di Firenze. Si possono ammirare, tra gli altri: l’odometro, il girarrosto a vapore, il primo modello di carro armato, il ponte arcuato di tipo militare, il cannone navale, la scala mobile, il robot, il riflettore e ancora l’elica, il deltaplano e il paracadute. Sono parte di una prestigiosa collezione che conta oltre 400 modelli unici, ricostruiti in oltre 50 anni di ricerche e lavorazioni artigianali. Si tratta attualmente della collezione più grande dedicata alle macchine di Leonardo da Vinci ed è richiesta per esposizioni in tutto il mondo.

Maniglie e manovelle Nella mostra a Gubbio i visitatori diventano protagonisti attivi: possono, infatti, azionare in modo autonomo le macchine attraverso il movimento di maniglie e manovelle così da scoprirne il facile funzionamento. Accanto ad ogni macchina è visibile l’immagine della pagina del codice che riporta il disegno tecnico eseguito da Leonardo, utilizzata per la ricostruzione fedele del modello, insieme ad un’accurata descrizione. Una sezione della mostra è dedicata ai più piccoli, con giochi interattivi.

I commenti sono chiusi.