martedì 7 aprile - Aggiornato alle 19:53

‘Freschi di stampa’, alla Galleria Nazionale spazio ai libri: presentazione di tre volumi d’interesse pubblico

Tra febbraio e marzo appuntamenti con autori ed esperti che dialogheranno sulla storia dell’arte, città intermedie e patrimonio culturale

Copertina del primo libro che sarà presentato su Francesco Traini

di D.N.

La Galleria Nazionale dell’Umbria dedica il mese di febbraio alla rassegna ‘Freschi di stampa’, tre appuntamenti al museo che partendo dalla presentazione di libri di recente pubblicazione, costituiscono l’occasione per affrontare tematiche culturali di interesse pubblico. In una sorta di salotto informale, durante tre appuntamenti tra febbraio e marzo autori ed esperti dialogheranno sui temi affrontati nei volumi approfondendone gli aspetti scientifici, culturali o di attualità e consentendo al pubblico di partecipare in modo dinamico.

Francesco Traini Tre i filoni tematici nei quali si inquadrano le presentazioni, il primo (giovedì 13 febbraio, ore 17.30) riservato alla storia dell’arte con il volume postumo che raccoglie gli studi di Linda Pisani su ‘Francesco Traini e la pittura a Pisa nella prima metà del Trecento’ (Silvana editore), con testimonianze di Gerardo De Simone, storico dell’arte e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara e di Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria. Il libro monografico è dedicato a Francesco Traini, pittore, miniatore e frescante – considerato ‘eccellente’ nelle Vite del Vasari – protagonista assieme ai senesi Simone Martini e Lippo Memmi e al fiorentino Buffalmacco di una straordinaria stagione della pittura pisana.

Città intermedie Il secondo appuntamento della rassegna (giovedì 20 febbraio, ore 17.30) amplia ulteriormente la prospettiva del museo e ne declina il ruolo di soggetto attivo anche all’interno del territorio, con la presentazione del volume ‘L’Italia Policentrica: il fermento delle città intermedie’, a cura dell’Associazione Mecenate 90 nata allo scopo di favorire la collaborazione tra soggetti pubblici e privati nella valorizzazione dei beni culturali. Il Rapporto comprende un focus di approfondimento sui modelli di governance e sulle dinamiche dello sviluppo locale di un campione di dieci città italiane, tra cui anche la umbra Foligno, relativamente ad indicatori sociali, territoriali, economici e culturali, utili per definire scelte strategiche per lo sviluppo culturale e urbano. Intervengono al dibattito Ledo Prato, segretario generale dell’Associazione Mecenate ’90; Luca Ferrucci, economista e docente presso Università degli Studi di Perugia e Stefano Zuccarini, sindaco di Foligno.

Patrimonio culturale Appartiene all’ambito della museologia il volume ‘Le Belle Arti e i selvaggi’, del direttore del Complesso museale della Pilotta di Parma, Simone Verde, saggio che proponendo una lettura inedita dei documenti storici, ribalta la tesi dell’invenzione del patrimonio culturale come impulso derivante dall’orgoglio civico per le vestigia della tradizione classica. Ne discuteranno con l’autore prossimamente (giorno ancora non calendarizzato) Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria e Caterina Bon Valsassina, consigliere del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini.

I commenti sono chiusi.