Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 22 gennaio - Aggiornato alle 10:14

‘Essere umbri’: storie di musica, erotismo e amore, nel docufilm di Andrea Sbarretti

il dj ternano, i giochi sessuali della coppia di Amelia e l’idillio di Annalisa e Tommaso a Spoleto

La produzione del regista ternano Andrea Sbarretti non conosce battuta d’arresto neppure qualìndo le sale cinematografiche sono chiuse: è uscito online il documentario ‘Essere Umbri’, 3 storie ambientate rispettivamente a Terni, Amelia e Spoleto. Tre vicende collegate tra di loro dall’appartenenza al territorio umbro, pur nella variegata origine dei protagonisti. «Visto il periodo della pandemia – dichiara Sbarretti – la visione sarà sul web per intrattenere chiunque vorrà mantenere una sorta di tradizione, guardando un film nel periodo natalizio direttamente da casa». Il docufilm della durata di 81 minuti è diviso in 3 capitoli, ciascuno dei quali è caratterizzato da musiche originali di autori ternani che sono: F.T.G. feat. Cristian Pratofiorito, Maurizio Mazzoli e lo stesso Sbarretti.
‘Essere umbri’ Nel primo episodio, il protagonista è il ternano Alfredo Trastulli (in arte F.T.G) deejay e musicista appassionato d’ elettronica, che nei suoi live è solito ispirarsi a vari generi musicali, dai classici di Beethoven ai ritmi più convulsi della techno, passando per il jazz, generi pop o ambient. Nel 2015 è stato colpito da una grave malattia. La sua lotta è stata durissima e la musica lo ha aiutato ad uscirne fuori. Il secondo episodio va a toccare un tema spesso tabù: il porno e i giochi trasgressivi di coppia. Werther Germondari realizza da vent’anni, nell’ambito di un suo progetto artistico sulla sessualità, anche film post-porno, spesso insieme a sua moglie Maria Laura Spagnoli. Da diversi anni vivono insieme anche una vita sessualmente libera e all’insegna della pansessualità. Ne parlano con estrema educazione e ci portano al Rio Grande di Amelia, sul set di un corto erotico. Il terzo episodio racconta la vita dell’affascinante Annalisa Reale, che da Milano si trasferisce ad Eggi, a due passi da Spoleto. Conosce Tommaso, un uomo di qualche anno più grande di lei e lo sposa. Ora gestiscono una Azienda Agricola nelle campagne sonnacchiose di Eggi. Con loro c’è Francesco, un romano anche lui trasferitosi a Spoleto, stanco della vita frenetica ed inquinata della metropoli.

 

I commenti sono chiusi.