venerdì 6 dicembre - Aggiornato alle 20:20

Da Praga a Spoleto, giovane soprano realizza il sogno: canterà a La Fenice

Bočková ha vinto il concorso del Lirico sperimentale e ora si prepara a calcare il palcoscenico veneziano: «Noi i migliori a scoprire talenti»

Zdislava Bockova ne L'impresario delle Canarie

Dal Lirico sperimentale di Spoleto a La Fenice di Venezia. Zdislava Bočková, 26 anni, tra i primi tre classificati del prestigioso concorso dell’istituzione culturale umbra è stata scelta per interpretare il ruolo di Olga in La vedova allegra di Franz Lehár. La giovane soprano di nazionalità ceca, dopo aver debuttato a Spoleto, quest’anno calcherà il palcoscenico del prestigioso del teatro veneziano diretta a dal più acclamato regista d’opera di questi tempi, Damiano Michieletto.

L’audizione a La Fenice è avvenuta nell’ambito di specifiche audizione che la direzione del teatro riserva ai tre vincitori del concorso del Lirico sperimentale di Spoleto che, una volta di più, si conferma punto di riferimento italiano ed europeo per il lancio di giovani cantanti lirici, come nel caso di Zdislava Bočková, tra le protagoniste della 71ma Stagione Lirica sperimentale: «È stata un’emozione grandissima vincere il concorso di Spoleto – dice la giovane soprana ceca – così come sapere di essere stata prescelta dal teatro veneziano perché era praticamente un sogno cantare qui e quando poco fa l’ho saputo non sapevo se ridere o piangere di felicità. Certo, andare a Spoleto è davvero una grande opportunità per tutti: qui si studia e si lavora duramente, ma poi si vedono i risultati».

Il concorso del Lirico sperimentale non è fine a se stesso, ma prevede un periodo articolato di perfezionamento interpretativo e una Stagione Lirica. Quando nel febbraio scorso Bočková lo vinse, gli organizzatori le chiesero come mai avesse deciso di partecipare al Concorso di Spoleto e la giovane soprana affermò che era stata informata «dell’importanza del concorso sia da varie istituzioni ceche, sia in Italia che in altre accademie straniere». In sostanza, tutti gli enti e le istituzioni del settore le avevano consigliato di partecipare al Concorso spoletino, in quanto considerato il migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.