Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 20:48

Dal cinema al teatro, Ferzan Özpetek porta in scena a Perugia ‘Mine Vaganti’: grande cast di attori

Dopo il rinvio ecco le nuove date al Morlacchi. Il regista firma la prima opera teatrale con l’adattamento del suo pluripremiato film. Sul palco anche Pannofino, Iaia Forte e Simona Marchini

Mine vaganti (foto Romolo Eucalitto)

di D.N.

Lo spettacolo ‘Mine vaganti’, programmato a Perugia dal 12 al 16 gennaio (rinviato), andrà in scena da mercoledì 2 a domenica 6 marzo, al Teatro Morlacchi di Perugia. Cambio di data quindi per quello che doveva essere il primo spettacolo in programma nel 2022. Ferzan Özpetek firma la sua prima regia teatrale con l’adattamento del suo pluripremiato capolavoro cinematografico Mine Vaganti (2 David Di Donatello, 5 Nastri D’Argento, 4 Globi D’Oro, Premio Speciale della Giuria al Tribeca Film Festival di New York, Ciak D’Oro come Miglior Film).

Cast corale In scena un cast corale di 11 attori, tra i quali Francesco Pannofino, Iaia Forte, Erasmo Genzini, Carmine Recano e Simona Marchini, per una commedia brillante e attuale che, tra intrecci e colpi di scena, narra storie di persone, di scelte sessuali, di fatica ad adeguarsi a un cambiamento sociale ormai irreversibile.

Mine Vaganti a teatro “Come trasporto i sentimenti, i momenti malinconici, le risate sul palcoscenico? Questa è stata la prima domanda che mi sono posto, e che mi ha portato un po’ di ansia, quando ha cominciato a prendere corpo l’ipotesi di teatralizzare Mine Vaganti – racconta Ferzan Özpetek – Ho dovuto lavorare per sottrazioni, lasciando quell’essenziale intrigante, attraente, umoristico. Ho tralasciato circostanze che mi piacevano tanto, ma quello che il cinema mostra, il teatro nasconde, e così ho sacrificato scene e ne ho inventate altre, anche per dare nuova linfa all’allestimento […] A teatro non ci si dovrebbe mai annoiare. Sono partito da questo per evitare che lo spettacolo fosse lento. Ho optato per un ritmo continuo, che non si ferma, anche durante il cambio delle scene. Ho realizzato una commedia che mi farebbe piacere andare a vedere a teatro, dove lo spettatore è parte integrante della messa in scena e interagisce con gli attori, che spesso recitano in platea come se fossero nella piazza del paese e verso chi guardano quando parlano. La piazza/pubblico è il cuore pulsante che scandisce i battiti della pièce”. Per accedere a teatro sono necessari Super Green Pass e mascherina ffp2. Si può prenotare telefonicamente al Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075 57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20.

I commenti sono chiusi.