giovedì 28 maggio - Aggiornato alle 16:53

Covid e cinema all’aperto: la rete di Anec Umbria per arene, drive in e rassegne itineranti

La presentazione del progetto ai David di Donatello. Coinvolti Perugia, Castiglione del Lago, Città di Castello, Bastia Umbra, Foligno, Marsciano, Passignano, Spoleto, Terni, Todi e Umbertide

La Rocca di Castiglione del Lago

di A.G.

Un progetto di rete per il cinema: per far fronte alla situazione critica in cui versa il settore a seguito dell’emergenza Covid-19, in vista della stagione estiva Anec Umbria promuove arene, drive in e rassegne itineranti in tutta la regione. Il progetto sarà presentato ufficialmente venerdì 8 maggio in diretta su Rai1, durante la premiazione della 65esima edizione dei David di Donatello.

Il progetto Anec Umbria si è inserita nel progetto nazionale ‘Il cinema all’aperto ai tempi del Covid-19’, promosso da Anica e Anec in intesa con Mibac e Anci, con una sua autonoma proposta: ‘Umbria estate al cinema’. Piero Sacco, vicepresidente regionale di Anec, espone la struttura del progetto: «Prevediamo per la nostra Regione l’apertura e la messa in rete di arene estive, drive in, rassegne cinematografiche itineranti all’aperto durante l’arco del periodo estivo dal 1° giugno al 30 settembre in tutto il territorio regionale, in particolare nelle città ove già insistono sale cinematografiche. Riteniamo che Anec Umbria e gli esercenti cinematografici associati, in quanto imprese attive tutto l’anno e in questa fase tra i soggetti più colpiti dall’emergenza, debbano essere gli “interlocutori privilegiati” per la realizzazione nei rispettivi territori di iniziative legate allo specifico cinematografico. Questo per marcare la differenza fra veri professionisti del settore e imprenditori che invece “tentano l’avventura”, soprattutto in questa fase delicata per la salute pubblica».

Obiettivi «Gli obiettivi principali del progetto sono molteplici – spiega Sacco –. Dare risposta alla domanda di socialità, intrattenimento e cultura del pubblico attraverso una delle poche forme di aggregazione, il cinema, che può essere proposta durante l’emergenza in ragione di spazi all’aperto, dimensionati su un numero stabilito di accessi con le adeguate distanze di sicurezza. Far ripartire l’offerta cinematografica con le nuove modalità di fruizione imposte dall‘emergenza, così da sperimentare le problematiche e la risposta del pubblico alla ripresa della stagione cinematografica invernale. Sostenere la grave crisi della filiera dell’esercizio umbro attraverso una sebbene parziale ripresa delle attività. Offrire una rete a livello regionale così da rendere più diffuso e omogeneo possibile l’intervento, massimizzando anche i costi di determinati prodotti e servizi. Fornire alla collettività una rete di spazi in cui sarà possibile programmare, oltre al cinema, anche altre forme di intrattenimento e di comunicazione, anche di tipo istituzionale, nel rispetto delle disposizioni vigenti. Da ultimo, il progetto si prefigge di creare le premesse, attraverso un significativo numero di arene che nascono nell’emergenza, per dare continuità anche negli anni successivi alla diffusione del cinema d’estate in Umbria».

Programmazione e spazi L’attuazione del progetto passa attraverso l’attivazione di arene estive, drive in, rassegne itineranti con una programmazione articolata nell’arco del periodo estivo e arricchita da eventi collaterali, come ad esempio la presenza di attori e registi in occasione di alcune proiezioni e la programmazione di eventi live compatibili con le disposizioni previste. Anec Umbria pensa di far partire una campagna promozionale regionale unitaria, inserita nella più ampia campagna nazionale (portale, profili social, materiale cartaceo, ecc.) e di perseguire una politica di condivisione di servizi e di strumentazioni utile ad abbattere i costi di realizzazione e di gestione delle singole iniziative. L’accesso agli spettacoli dovrà prevedere un biglietto d’ingresso acquistabile anche online. La realizzazione delle singole iniziative previste nel progetto è in capo agli esercenti associati, mentre Anec Umbria coordina gli aspetti di rete, sostiene con un proprio contributo la realizzazione del progetto e si fa da tramite per la raccolta e la ridistribuzione con criteri condivisi di ulteriori risorse che potranno provenire da enti sovracomunali, con particolare riferimento alla Regione Umbria. Gli esercenti associati che hanno aderito al progetto andranno ad attivare specifiche iniziative nelle seguenti città: Castiglione del Lago, con la sua arena della Rocca Medievale, Città di Castello (arena), Bastia Umbra (arena), Foligno (arena), Marsciano (arena), Passignano sul Trasimeno (arena), Perugia (arena e drive in), Spoleto (arena), Terni (arena), Todi (arena) e Umbertide (arena). In alternativa al drive in, che ha un valore prevalentemente simbolico poiché di complessa e onerosa realizzazione e commercialmente rischioso, potrebbe essere ipotizzata una rassegna itinerante con funzione promozionale, con la formula “vintage” della proiezione nelle piazze in pellicola 35 mm, che può toccare un numero da definire di piccole realtà, da individuare come comuni o frazioni non servite e non nelle immediate vicinanze delle arene, attraverso uno spettacolo per ciascuna piazza a ingresso libero. «Le attività – conclude Sacco – si svolgeranno seguendo le disposizioni del Governo, della Regione e dei Comuni; per ciascuna tipologia di attività si dovrà prevedere l’adeguamento alla normativa legata all’emergenza Covid-19, come, ad esempio il distanziamento, il contingentamento, la sanificazione, l’eventuale uso di dispositivi come mascherine e guanti e qualsiasi altra misura che si riterrà eventualmente di disporre».

I commenti sono chiusi.