venerdì 23 agosto - Aggiornato alle 11:04

‘Il corpo del disegno’, al Ciac di Foligno mostra di Omar Galliani: viaggio poetico nella sua intera produzione

Al Centro Italiano Arte Contemporanea fino al 13 ottobre l’antologica dedicata al maestro indiscusso del disegno italiano

Omar Galliani, Berenice, 2014, matita nera e pastello su tavola

di Dan. Nar.

Ripercorre l’intera produzione di Omar Galliani, dagli anni Settanta ad oggi, ‘Il corpo del disegno’, mostra antologica dedicata al maestro indiscusso del disegno italiano. Allestita al CIAC Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno, e inaugurata il 18 aprile scorso, sarà visitabile fino al 13 ottobre. L’esposizione, a cura di Italo Tomassoni, si caratterizza dal fitto dipanarsi del disegno, linguaggio d’elezione ed elemento fondante della sua poetica, utilizzato anche per opere a carattere monumentale.

FOTOGALLERY DELLA MOSTRA AL CIAC – INAUGURAZIONE

Intervento site-specific Il progetto, allestito nella città che ospita diversi capolavori dell’arte contemporanea, tra i quali la Calamita Cosmica di Gino De Dominicis, sarà arricchito da un intervento site-specific di Omar Galliani che, nel corso della mostra, traccerà sulla parete principale del museo una figura femminile, ideale collegamento tra le grandi tavole che costituiscono il cuore dell’esposizione. «Tra grandi frammenti anatomici di un corpo disegnato – scrive Omar Galliani –, sospeso e perduto tra veritiere o improbabili costellazioni dai nomi mitici (Berenice, Cassiopea, Orione, Prometeo), un mio sottile segno di matita attraverserà le pareti del CIAC, rincorrendosi per oltre 25 metri. Un corpo androgino ripetuto più volte sempre uguale, come un suono perduto o dimenticato nei cieli di altri disegni, per la prima volta esposti qui insieme. La permanenza del disegno al di là del foglio o della tavola invaderà la parete. Un affresco destinato all’oblio della cancellazione, che resterà nella memoria di un video trasmesso in tempo reale all’esterno del museo».

50 opere Il percorso espositivo comprenderà una cinquantina opere che, negli anni, sono state presentate nei principali musei italiani ed internazionali: Berenice, così come i frammenti anatomici intitolati Cassiopea, Orione, Prometeo e Respiro (matite nere su tavole di 400×400 centimetri), è stata esposta nel 2014 alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino; il trittico dedicato a La principessa Lyu Ji nel suo quindicesimo anno di età ha percorso l’Oriente; le opere della serie Nuove Anatomie hanno suscitato particolare interesse alla Biennale di Praga (2003); il trittico Breve storia del tempo è stato premiato alla Biennale Internazionale di Pechino nel 2003, con successive esposizioni a Seoul, Shanghai e Xian.

Anteprima Inoltre è presentato in anteprima al CIAC il trittico ‘L’anello di Berenice’ (2019), composto da tre tavole di grandi dimensioni. Un’opera che riprende uno dei soggetti cari all’artista – l’anello – inteso come simbolo di perfezione, elemento di congiunzione e metafora del moto circolare che caratterizza la nostra esistenza.

Info La mostra – inaugurata alla presenza dell’artista, del curatore e di Giancarlo Partenzi (presidente del Centro per la cultura e lo sviluppo economico) – sarà visitabile fino al 13 ottobre, venerdì ore 16-19, sabato e domenica ore 10.30-12.30 e 16-19; aperture straordinarie 22 aprile, 25 aprile, 1 maggio, 14 agosto, 16 agosto, chiuso 21 aprile e 15 agosto. Ingresso intero Euro 6,00 (biglietto cumulativo con il secondo polo CIAC – ex Chiesa della SS. Trinità in Annunziata con esposizione permanente dell’opera Calamita Cosmica). Sono previste riduzioni e a disposizione anche un Catalogo Prearo Editore con testo critico di Italo Tomassoni, testo istituzionale di Giancarlo Partenzi, testo di poetica di Omar Galliani e ricco apparato iconografico. Per informazioni: tel. 0742340090 (lunedì-venerdì ore 9-13), cell. 3408678214, [email protected], www.centroitalianoartecontemporanea.com. Per visite guidate: Sistema Museo (Tel. 199 151123).

I commenti sono chiusi.