Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 23 ottobre - Aggiornato alle 10:59

Caroline Baglioni in finale al Premio Virginia Reiter come Miglior attrice italiana under 35

Appuntamento al Teatro Argentina a Roma. Nel terzetto di finaliste anche l’attrice umbra che di recente è stata scelta alla Biennale Teatro come Miglior autrice under 40

Caroline Baglioni

di Dan. Nar.

C’è grande attesa per scoprire chi sarà la più apprezzata attrice teatrale italiana under 35 al Premio Virginia Reiter. Così come è “grande sorpresa e gioia” quella di Caroline Baglioni, attrice umbra in finale al prestigioso premio. Un altro riconoscimento che potrà quindi aggiungersi a quello ottenuto di recente anche alla Biennale Teatro a Venezia, visto che Caroline si è aggiudicata il Premio di miglior autrice under 40 con il suo nuovo testo ‘Il lampadario’. Domenica 25 ottobre al Teatro Argentina di Roma quindi il nuovo annuncio, durante l’appuntamento che da venticinque anni omaggia la grande interprete modenese – vissuta tra fine Ottocento e Novecento e prima capocomica italiana, coeva di Eleonora Duse e di Sarah Bernhardt – attraverso la premiazione della più apprezzata attrice italiana under 35 dell’ultima stagione teatrale. Il terzetto di finaliste, selezionate dalla giuria di esperti presieduta da Ennio Chiodi, è composto, oltre che da Caroline Baglioni, anche da Carolina Ellero e Anna Mallamaci.

Premio Reiter Sostenere e promuovere giovani attrici nella fase iniziale della loro carriera: è questo lo scopo fondamentale che si prefigge il Premio Virginia Reiter che nel 2020 festeggia il venticinquennale. L’appuntamento, a ingresso libero e organizzato nel rispetto dei protocolli di sicurezza in corso, sarà a partire dalle ore 21.30 con la giuria composta anche da Rodolfo di Giammarco (la Repubblica), Gianfranco Capitta (il Manifesto), Maria Grazia Gregori (l’Unità) e Fabrizio Grosoli. La serata sarà, come sempre, presentata dalla direttrice artistica della manifestazione Laura Marinoni. Nel corso della serata sarà inoltre assegnato il Premio Giuseppe Bertolucci alla migliore attrice europea tra le nuove generazioni a Marianna Fontana, il Premio venticinquennale Virginia Reiter alla Carriera a Isa Danieli e, novità 2020, il Premio Europeo Giuseppe Bertolucci alla miglior giovane regista under 35 a Irene Dionisio. È infatti proprio da un’idea del celebre regista e sceneggiatore che nacque nel 2007 il Festival Virginia Reiter.

Caroline Baglioni Nata nel 1985 a Perugia, dove si forma teatralmente iniziando sin da bambina grazie alla scuola Theamus di Lamberto Maggi, successivamente si diploma come attrice al Centro Universitario Teatrale di Perugia. Nel 2008 lavora nella produzione del Teatro Stabile dell’Umbria ‘Purificati’ di Sarah Kane per la regia di Antonio Latella. Nel 2010 realizza una regia collettiva insieme a David Berliocchi, Marta Pellegrino e Domenico Viola, tratta da “Febbre” di Sarah Kane. In seguito avvicina l’arte del teatro di figura collaborando con il Tieffeu. Dal 2012 entra a far parte della compagnia La società dello spettacolo di C.L.Grugher, Michelangelo Bellani e Marianna Masciolini. Sempre nel 2012 al Teatro Valle occupato ha iniziato un percorso da drammaturga con Antonio Latella. Nel 2015 con il Teatro Stabile dell’Umbria è impegnata in due nuove produzioni per la regia di Danilo Nigrelli e Antonio Latella e con La società dello spettacolo prepara il progetto “Io sono non amore” ispirato all’esperienza di Santa Angela da Foligno. Nel 2015 scrive “Gianni”, ispirato alla voce di Gianni Pampanini, vincendo il Premio Scenario per Ustica nel 2015 e il Premio In-Box Blu nel 2016.
Nel 2018 è attrice nello spettacolo “Mio padre non è ancora nato” di Michelangelo Bellani.

I commenti sono chiusi.