Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 10:57

Aspettando ‘Poesiæuropa’: sotto i riflettori i libri usciti durante il lockdown

Iniziative in streaming e in presenza per l’iniziativa voluta dall’Associazione Spazio Humanities che gestisce anche il progetto culturale Umbrò Cultura

Aspettanto Poesiaeuropa, eventi anche da Umbrò

di D.N.

«In questo 2020, aspettando di poterci ritrovare per una futura edizione a tutto tondo di Poesiæuropa, proponiamo tre giornate d’eccezione». A dichiararlo, Maria Borio, presidente dell’associazione di promozione sociale Spazio Humanities che, dall’inizio dell’anno, gestisce anche il progetto culturale Umbrò Cultura, volto a proporre iniziative sperimentali e innovative incentrate sulla poesia, la narrativa, la storia, la filosofia, le arti visive e la musica al fine di valorizzare la ricerca in ambito culturale. L’edizione speciale ‘aspettando Poesiæuropa’ – che si terrà dal 23 al 25 settembre 2020 sia via streaming che in presenza e la cui partecipazione è gratuita – è un’idea a cura dell’APS Spazio Humanities, è supportata da Umbrò e si svolge in collaborazione con il Centro di Poesia & Scritture Contemporanee a cura di Marco Giovenale e Valerio Massaroni.

Europa e poesia Nello spirito dell’iniziativa Poesiæuropa – che, inaugurata nel luglio del 2019 all’Isola Polvese, riflette sul valore delle radici umanistiche e sulla situazione culturale e politica europea a partire dalle voci della poesia –, verranno presentati alcuni libri usciti durante il lockdown e il dialogo sarà incentrato su alcuni aspetti dell’immaginario del tempo che stiamo vivendo.

Edizione transitoria Nella difficoltà contingente di poter allestire un evento come Poesiæuropa – nato con una radice internazionale, che ha ricevuto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e che lo ha riconfermato per questa edizione e per i prossimi tre anni –, difficoltà condivisa con molte altre attività vitali per lo sviluppo e l’innovazione culturale, l’APS Spazio Humanities ha deciso di non proporre un’edizione completa, ma un interim: un momento transitorio in cui il bilancio dei mesi trascorsi e l’attesa per i tempi a venire auspichino una costruzione di progetti. Il motto dell’associazione Spazio Humanities è, dunque, ‘costruiamo visioni!’. Un motto da condividere con tutti i partecipanti all’iniziativa.

Libri usciti nel lockdown L’attenzione sarà focalizzata su libri usciti durante il lockdown, a cui nessun incontro è stato finora dedicato in maniera programmatica e che possono indurre a riflettere sull’immaginario del momento che stiamo attraversando. Tra gli autori presenti, Laura Pugno e Giulio Mozzi con il loro lavoro di scrittura in coppia sul senso della letteratura al presente; Marco Giovenale e Vincenzo Ostuni con uno spaccato sulla poesia di lingua francese; Elisa Biagini e Federico Italiano con libri che affrontano il rapporto tra uomo, natura e politica, e la poetessa inglese Alice Oswald insieme ai traduttori Rossella Pretto e Marco Sonzogni. Spazio, inoltre, a giovani autori, con la presentazione della collana di Interlinea ‘Lyra giovani’ curata da Franco Buffoni, e un reading in presenza per la giornata conclusiva del 25 settembre. Le case editrici coinvolte sono: Archinto, Amos Edizioni, Ben-Way Series, Einaudi, Elliot, Interlinea, Interno Poesia, MarcosyMarcos, Terra d’ulivi Edizioni, Sonzogno.

Online e in presenza Da mercoledì 23 settembre a venerdì 25 settembre, dalle ore 18 alle ore 20, gli incontri sono pensati per un doppio canale di fruizione: le giornate di mercoledì 23 e giovedì 24 si svolgeranno via StreamYard e potranno essere seguite attraverso la pagina facebook Umbrò Cultura (https://www.facebook.com/umbrocultura/). Nella giornata di venerdì 25, invece, si svolgerà in presenza e all’aperto presso la Terrazza di Umbrò un reading di quattro giovani autori: Franca Mancinelli, Dimitri Milleri, Bernardo Pacini, Federica Ziarelli. Dopo la lettura, alle ore 19:30, un after reading con Elio Cagnizi Acoustic Quartet in concerto – Toti Panzanelli-chitarra; Andrea Rellini-violoncello; Nicola Polidori-batteria; Elio Cagnizi-basso e voce – con brani di musica inedita e edita. Per il numero limitato di posti nell’audience, in rispetto delle norme Covid, si consiglia la prenotazione scrivendo a [email protected] Per assistere nell’audience al concerto è gradito un contributo libero.

I commenti sono chiusi.