sabato 7 dicembre - Aggiornato alle 23:59

Primavera d’arte in Umbria: da Piermatteo d’Amelia a Grazia Cucco passando per Leonardo da Vinci

Primo appuntamento martedì, Sgarbi e Tomio a Terni. Sabato riapre l’abbazia di San Pietro in Valle a Ferentillo

Vittorio Sgarbi nel suo spettacolo su Caravaggio
Vittorio Sgarbi (foto Alessandro Fabbrini)

C’è grande attenzione sul mondo dell’Arte, soprattutto dopo la scoperta della Cascata delle Marmore nel disegno di Leonardo, la nomina di Vittorio Sgarbi al Comune di Amelia e l’interesse del prof milanese Luca Tomio per l’abbazia di San Pietro in Valle a Ferentillo e tutta la Valnerina. La primavera che si appresta ad entrare sarà foriera di molte iniziative.

Leonardo da Vinci Martedì tanto per cominciare, a Palazzo Mazzancolli, sede dell’archivio di Stato di Terni si terrà una giornata studio sul disegno di Leonardo con un’immagine in alta definizione fornita dagli Uffizi e sarà presente il critico Vittorio Sgarbi. La settimana appena cominciata è anche quella della riapertura di San Pietro in Valle (sabato) per la quale c’è grande attesa a seguito del complesso monumentale romano rivelato dalle indagini col georadar. Tomio nel frattempo ‘ha portato Ferentillo in Sicilia’, alcuni media dell’isola nei giorni scorsi hanno parlato del paesino della Valnerina: nella chiesa di Santa Maria al Precetto, il prof ha scoperto un affresco di Jacopo Siculo che raffigura le Vergini martiri Santa Lucia, Sant’Agata, Santa Caterina, Santa Barbara e Sant’Apollonia le quali sarebbero inserite nel paesaggio del golfo di Palermo.

Piermatteo d’Amelia Sabato 11 marzo sarà anche la giornata dedicata a Piermatteo d’Amelia; alle 17, alla sala dell’Orologio del Caos, sarà presentato il volume della storica dell’arte Lucilla Vignoli sul maestro umbro tra Firenze e Roma, edito da Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – Fabrizio Fabbri editore. «Piermatteo d’Amelia – dice l’autrice – rappresenta senza dubbio uno dei grandi della pittura del rinascimento italiano, una figura complessa intorno alla quale molte questioni rimangono aperte, nonostante una sempre maggiore attenzione critica». Di questo importante pittore è la Pala dei Francescani  che rappresenta una delle eccellenze della collezione della Pinacoteca di Terni. All’iniziativa, promossa dalla Regione,  dal Comune di Terni, dal Caos e dal Lions Club Sangemini Terni dei Naharti, prenderanno parte, oltre all’autrice, l’assessore alla Cultura del Comune di Terni Tiziana De Angelis, il direttore dell’archivio di Stato di Terni Elisabetta David e il presidente del Lions Club Sangemini Terni dei Naharti Franco Esposito. I contenuti dell’opera saranno illustrati e discussi dalla storica dell’arte Giordana Benazzi. Al termine, Lucilla Vignoli accompagnerà gli intervenuti all’interno del museo per una visita guidata alla Pala dei Francescani.

VIDEOINTERVISTA AL PROF SGARBI: «COSÌ HO CONOSCIUTO LA CUCCO»

ECCO COME SGARBI STUPÌ LA CUCCO A CASA DI MOGOL

Grazia Cucco E sarà invece proprio ad Amelia che il dipinto ‘La ricchezza del mondo’ di Grazia Cucco tornerà a disposizione del pubblico. La tela commissionata da Sgarbi e battezzata da Mogol, assicurata per 100 mila euro e realizzata per Expo 2015, sarà esposta al Museo civico cittadino. Ne dà notizia l’assessore alla Cultura, Federica Proietti: «La Pinacoteca Edilberto Rosa – annuncia – ha ulteriormente impreziosito la propria collezione con un capolavoro dell’arte pittorica. La Cucco – prosegue la Proietti – è considerata, a tutti gli effetti, una delle personalità artistiche più interessanti dello scenario attuale dell’arte contemporanea italiana. La Ricchezza del Mondo, assieme ad altri splendori assoluti come, ad esempio, l’imponente statua bronzea raffigurante il Germanico, attendono solamente di essere ammirati». Per conoscere gli orari di apertura del Circuito Museale di Amelia è possibile collegarsi al seguente link: http://www.sistemamuseo.it/ita/2/musei/4/amelia-umbria-museo-archeologico-e-pinacoteca/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.