Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 7 dicembre - Aggiornato alle 17:27

Arriva a Terni l’arte inclusiva: un’opera tattile per i non vedenti

A Palazzo Primavera dall’8 ottobre il percorso esperenziale pensato per tutti

foto archivio

Arriva a Palazzo Primavera, dall’8 ottobre al 31 gennaio, la Giostra dell’Arte, un percorso artistico, ideato da Sandro Tomassini, pensato per tutte le età, con una particolare attenzione verso coloro che hanno disabilità di tipo visivo. «Finalmente l’arte che si può toccare – dichiara l’artista – è necessario manipolare, interagire direttamente con gli elementi di cui è fatta l’opera d’arte per far sì che il fruitore possa configurarla e strutturarla come preferisce, in base alle ispirazioni del momento».

Perché giostra dell’arte? «Tutti noi da piccoli siamo saliti su una giostra – chiarisce l’artista – passavamo da un cavallo ad una carrozza, da un’automobilina ad una moto, immaginando e sognando. Oggi dentro di noi c’è sempre il bambino che siamo stati, in questa occasione passa da un’opera ad un altra divertendosi e sognando». In occasione della mostra, l’artista apre al pubblico lo studio dove lavora e concepisce le sue opere, un vasto spazio espositivo di 500 mq, che contiene, oltre la Giostra dell’Arte, tutte le opere realizzate da Sandro Tomassini nei diciassette anni di attività.

Le opere tattili di Sandro Tomassini Le opere, che siano plastiche o pittoriche, cambiano forma e impianto cromatico in base all’intervento dei fruitori, che possono intervenire sull’opera ruotando, aggiungendo o togliendo materiali. Lo scopo dell’artista è quello di creare un dialogo con il pubblico attraverso l’oggetto artistico, per un’arte più inclusiva e partecipativa. Recentemente l’artista ha realizzato una serie di lavori dal titolo Oti (Opera tattile interattiva), la peculiarità è quella di poter essere percepita anche dai non vedenti, essendo realizzata con materiali pensati per essere riconosciuti al tatto.

I commenti sono chiusi.