martedì 19 novembre - Aggiornato alle 21:06

Amici della musica: il talento under 30 Beatrice Rana in concerto a Perugia

Al teatro Morlacchi una delle migliori pianiste della nuova generazione. In programma Chopin, Albéniz e Stravinsky

Beatrice Rana, foto di Simon Fowler

di A.G.

È considerata tra le migliori pianiste under 30, interprete amatissima dal pubblico di Perugia: venerdì 8 novembre Beatrice Rana sarà ospite della stagione 2019/2020 degli Amici della musica, con un concerto al teatro Morlacchi. In programma alcune pagine per pianoforte che le consentiranno di esprimere al meglio il suo virtuosismo e la sua intensità d’esecuzione, da Chopin a Stravinsky, passando per Isaac Albéniz.

 Il concerto si aprirà con i ‘Dodici Studi op. 25’ di Chopin, considerati una vetta assoluta dell’intera letteratura pianistica, e sarà seguito dal ‘Terzo Libro’ di ‘Iberia’ di Isaac Albéniz: scritta nel 1908 ed eseguita in rare occasioni, la raccolta suscitò l’ammirazione dell’amico e collega Claude Debussy. Il concerto si concluderà con i vorticosi ‘Trois Mouvements de Pétrouchka’ di Igor Stravinsky, estratti dal celebre balletto e trascritti per pianoforte dallo stesso compositore nel 1921.

Beatrice Rana A soli ventisei anni, la pianista Beatrice Rana si è già imposta nel panorama musicale internazionale ottenendo la stima e l’interesse di istituzioni concertistiche, direttori d’orchestra, critici e pubblico di numerosi paesi. Nata da una famiglia di musicisti nel 1993, ha iniziato i suoi studi musicali all’età di quattro anni e ha conseguito il diploma in pianoforte sotto la guida di Benedetto Lupo al Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli, dove ha anche studiato composizione con Marco Della Sciucca. Beatrice Rana ha attirato l’attenzione internazionale a 18 anni, nel 2011, vincendo il primo premio e tutti i premi speciali al Concorso internazionale di Montreal. Vincitrice di un numero impressionante di primi premi in concorsi pianistici nazionali e internazionali – come il Concorso “Muzio Clementi”, Concorso Pianistico Internazionale della Repubblica di San Marino e “Bang & Olufsen PianoRAMA Competition” –, nel giugno 2013 ha vinto la Medaglia d’argento e il Premio del pubblico al prestigioso Concorso «Van Cliburn». Negli anni 2015-17 Beatrice Rana è stata inserita nel prestigioso “BBC New generation artists scheme”, che gli ha permesso di effettuare diverse registrazioni e di suonare con le orchestre della BBC, e nell’aprile 2016, ha ricevuto un Fellowship del Borletti-Buitoni Trust e il Premio “Abbiati”. Nel 2015 ha pubblicato il suo primo album in esclusiva per Warner Classics, dedicato al ‘Secondo Concerto’ di Prokofiev e al ‘’Primo Concerto di Tchaikovsky, con Antonio Pappano e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma. Il disco ha ottenuto un successo internazionale e ha ricevuto il prestigioso “Editor’s Choice” della rivistra Gramophone e il “Newcomer of the Year Award” del BBC Music Magazine. Il 2017 segna un momento cruciale nella carriera di Beatrice Rana, per la pubblicazione di un disco con le ‘Variazioni Goldberg’ di J.S. Bach (per Warner Classics): ottenendo critiche entusiastiche in tutto il mondo musicale, grazie all’album Rana vince un Gramophone Award nella categoria ‘Young Artist of the Year’, oltre che un Premio Edison nella categoria ‘Discovery of the Year’. Sempre nel 2017 è stata nominata Cavaliere della Repubblica per motu proprio dal Presidente Sergio Mattarella. Nello stesso anno ha fondato il Festival Internazionale di Musica da Camera “ClassicheFORME”, del quale è direttore artistico, che si svolge ogni estate nella sua terra a Lecce, in Puglia.  Nel giugno 2018 è stata eletta “Artista femminile dell’anno” ai Classic BRIT Awards alla Royal Albert Hall di Londra. Si esibisce nelle più importanti sale da concerto e per i festival più prestigiosi, collaborando inoltre con le più autorevoli e affermate orchestre internazionali e con direttori del calibro di Riccardo Chailly, Antonio Pappano, Yannick Nézet-Séguin, Fabio Luisi, Yuri Temirkanov, Gianandrea Noseda, Emmanuel Krivine, Jun Märkl, Trevor Pinnock, James Gaffigan, Mirga Gražinyté-Tyla, Fabien Gabel, Lahav Shani, Andrés Orozco-Estrada, Susanna Mälkki, Leonard Slatkin e Zubin Mehta. Nel 2018 è uscita la sua registrazione della ‘Seconda Sinfonia’ di Leonard Bernstein (‘Age of Anxiety’, nuovamente con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Pappano), mentre è recentemente uscito il suo ultimo album, con musiche di Stravinsky e Ravel.

I commenti sono chiusi.