Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 19 settembre - Aggiornato alle 13:12

Valnerina, intensi flussi di traffico: raffica di controlli e multe

Accertate dieci violazioni e disposi servizi interforze anche per la prossima settimana

Nella fascia oraria che va dalle 8 alle 20 pattuglie della polizia di Stato, stradalecarabinie, ri di Terni e polizie locali di Terni, Arrone e Ferentillo, hanno controllato nell’ultima settimana un totale di 51 veicoli, tra autovetture e moto, e nove mezzi pesanti, accertando dieci violazioni al Codice della strada. Questo il bilancio dei controlli interforze che hanno interessato la Ss Valnerina, al fine di monitorare la situazione della viabilità molto intensa in questo ultimo periodo, sia per il traffico turistico, che per la chiusura ai mezzi pesanti per lavori in corso nel tratto della Somma, con particolare attenzione al fine settimana, quando aumenta il flusso di motoveicoli. 

Questura di Terni Il questore Bruno Failla – d’intesa con il prefetto Emilio Dario Sensi – anche a seguito di segnalazioni da parte dei residenti dei comuni interessati, ha tenuto un tavolo tecnico in questura per la predisposizione di servizi ad hoc, finalizzati alla verifica delle norme che regolano la sicurezza stradale e, in particolare in questo periodo di lavori, dei mezzi pesanti autorizzati al transito. I servizi continueranno anche nella prossima settimana. Dalla questura di Terni fanno inoltre sapere che un cittadino nigeriano di 25 anni si è presentato giovedì allo sportello dell’Ufficio Immigrazione della questura di Terni per richiedere un permesso di soggiorno, accompagnato da un suo connazionale che avrebbe dovuto ospitarlo a casa sua e ha mostrato la fotocopia di un contratto di lavoro, stipulato a inizio luglio a Fermo. Dagli immediati accertamenti in banca dati è però emerso che il giovane era destinatario di un provvedimento di espulsione del questore di Terni risalente al 2019, al quale non aveva mai ottemperato. Il nigeriano, incensurato, è stato di nuovo espulso e dovrà lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni.

I commenti sono chiusi.