venerdì 15 novembre - Aggiornato alle 11:49

In Umbria sono spariti tre chilometri di binari: rubati sotto gli occhi di tutti ma nessuno ha visto niente

Una denuncia documenta la sparizione, una storia che ha dell’incredibile: ecco come sarebbe andata

©Fabrizio Troccoli

Si sono volatilizzati 3 chilometri di binari, un qualcosa come 250 tonnellate di materiale ferroso, sparito sotto gli occhi di tutti. E’ quanto compare in una denuncia presentata da un dipendente di Umbria Mobilità. Ne ha dato notizia Il Messaggero nell’edizione regionale.

Si tratta di binari e complementi, come piastre e bulloni, che erano stati accatastati alla stazione di Città di Castello e che erano destinati al recupero per tramite di una azienda di Castel Vomano (Teramo). I fatti risalgono ai cantieri della ex Fcu. Il valore stimato del materiale è intorno ai 50 mila euro e sarebbe stato movimentato da gru, quindi operazioni tanto visibili quanto rumorose, eseguite in luoghi centrali come quelli della stazione ferroviaria di Città di Castello, che però avrebbero, come dire: trovato tutti distratti. Nessuno, infatti, si sarebbe accorto di nulla. Ora tocca ai carabinieri, anche attraverso la documentazione fotografica, ricostruire la rete dei ladri. Non è escluso che si possa trattare di personale impiegato in qualche intervento, che si sarebbe rivelato infedele.

I commenti sono chiusi.