Quantcast
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 00:38

Umbertide, appena liberati tornano nello stesso negozio di 48 ore prima per rubare: arrestati

Sono state 48 ore vissute pericolosamente quelle passate da due 20enni che, dopo aver rubato in un negozio, vengono arrestati, scarcerati e subito dopo arrestati un'altra volta per un furto nello stesso negozio

I due sono stati arrestati dai carabinieri (foto F.Troccoli)

di D.B.

Sono state 48 ore vissute pericolosamente quelle passate da due 20enni extracomunitari residenti a Umbertide che, dopo aver rubato in un negozio, vengono arrestati, scarcerati e subito dopo arrestati un’altra volta per un furto nello stesso negozio. Nella notte tra giovedì e venerdì il primo episodio: all’interno della Coop di Umbertide infatti i due ragazzi rubano macchine fotografiche e materiale informatico. I carabinieri arrivano sul posto, arrestano il primo al termine di una colluttazione mentre il secondo, scappato da una porta laterale, viene rintracciato poche ore dopo. Quello pizzicato in flagranza passa la notte in carcere  e la mattina di venerdì nel tribunale di Perugia dove l’arresto viene convalidato. Essendo incensurato però nel pomeriggio viene liberato.

Il secondo colpo Con il sabato sera libero così i due organizzano il secondo colpo, sempre ai danni della Coop di Umbertide. L’allarme anti-intrusione del supermercato scatta poco dopo le una, ai carabinieri di Città di Castello arriva la segnalazione e due pattuglie arrivano sul posto. Entrati dalla porta laterale lasciata aperta dai ladri, i militari inseguono e bloccano il primo ragazzo e trovano il secondo nascosto sotto alcuni cartoni. I ladri erano sempre i due 20enni di 48 ore prima e stavolta la «refurtiva» consiste di prodotti alimentari e birra. Trasportati in caserma, i ragazzi sono stati arrestati per furto aggravato e sono ora nel carcere di Capanne.

 

3 risposte a “Umbertide, appena liberati tornano nello stesso negozio di 48 ore prima per rubare: arrestati”

  1. andreagig ha detto:

    a me sembra che nel diritto penale italiano ci sia qualcosa che non và piu, non funziona più bene…non sono un forcaiolo, ma sapete che se io faccio un assegno scoperto sarei rovinato per tutta la vita quasi (niente mutuo, prestiti, rate per televisore etc..) mentre se rubo una automobile non mi faccio un giorno di galera !!!

    • Andrea B ha detto:

      Il problema non é il diritto in sé, quanto la “voluntas” di chi lo applica. Gli stessi articoli di legge c’ erano anche trent’ anni fa. Solo che oggi, guarda caso, gli esiti sono differenti.

      Inutile tentare di affrontare l’ argomento, se non si vuol essere tacciati di giustizialismo e/o razzismo.

  2. Gigied ha detto:

    Che grandi questi due… Andrebbero studiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.