martedì 23 gennaio - Aggiornato alle 06:11

Ubriaco e senza patente investe e uccide un 17enne: condannato a 5 anni ed espulso dall’Italia

di Francesca Marruco

Cinque anni di reclusione, un’epulsione immediata dal territorio italiano e 660.000 euro di provvisionale. E’ questa la sentenza che il giudice di Perugia Marco Verola ha emesso nei confronti di Ioan Munteanu, il 47enne di origine rumena che il 13 luglio del 2009 travolse e uccise il 17enne Riccardo Fiaschini a Pesciano di Todi e ferì gravemente un altro quindicenne a bordo di un’auto, senza aver mai preso la patente, ma solo con il foglio rosa e con un tasso alcolico di 1,54.

Segno giustizia I genitori del ragazzo ucciso commentano dicendo che «questa sentenza di condanna ci ha dato un segno concreto di giustizia. La sentenza del Tribunale di Perugia ci ha ridato giustizia, per noi rappresenta una vittoria morale, e, per quanto possibile, ci ha ridato un po’ di serenità in quanto l’esito del processo è una vittoria morale anche di Riccardo». I genitori, in una nota stampa spiegano: «Non abbiamo mai accettato la tesi da noi sopportata per tutti i sei anni di processo fino a oggi, che nostro figlio fu causa della sua morte con la sua condotta di guida. Non abbiamo mai accettato detta tesi, e avevamo fin dall’inizio il dovere di non accettarla, in quanto l’investitore di nostro figlio fu trovato alla guida in stato di alterazione alcoolica, senza avere mai conseguito la patente di guida e senza avere mai stipulato un contratto di assicurazione. L’incidente in cui trovò la morte nostro figlio Riccardo fu oggetto anche di una interrogazione parlamentare». Abbiamo motivo di ritenere che con la condanna, tra l’altro, dell’imputato a 5 anni di reclusione – nonché con la condanna dell’imputato e della compagnia di assicurazione al pagamento di provvisionali per un ammontare di € 660.000,00 – sia stato fugato ogni dubbio sulla correttezza di guida di nostro figlio, il quale il 13.7.2009 ha incontrato la morte non per colpa sua».

Omicidio stradale E i genitori vanno oltre il loro caso specifico dicendo: «Speriamo che questa sentenza possa servire a velocizzare l’iter di approvazione della legge sul reato di omicidio stradale».
Parlando poi della sentenza i genitori scrivono: «E’ stato possibile raggiungere il risultato odierno anche perché le forze di polizia che intervennero sul luogo del sinistro mortale ebbero a girare un filmato nell’immediatezza dei fatti: e grazie alle risultanze di questo filmato abbiamo potuto dimostrare che nostro figlio non morì per colpa sua». I genitori, da sempre sostenuti e rappresentati dagli avvocati David Zaganelli e Giovanna Bagianti, hanno voluto ringraziare anche loro.

La storia Nella sentenza è stata disposta anche una provvisionale di 10.000 euro per l’associazione vittime della strada, che si era costituita parte civile. Ioan Munteanu era stato arrestato subito dopo l’incidente, nella stessa notte, per omicidio colposo aggravato, perché guidava senza patente e perché era ubriaco, ma era stato rilasciato poche ore dopo perché il pm Gabriele Paci aveva ritenuto che ci fosse una carenza dei presupposti di legge per chiedere anche solo la convalida dell’arresto al gip. Quella decisione aveva causato fortissime polemiche in tutta Italia, tanto che finì anche al centro di una interpellanza parlamentare. Adesso, secondo quanto disposto dal giudice, verrà immediatamente espulso dall’Italia e quando la condanna diventerà definitiva, verrà emesso un mandato di cattura a suo carico e sconterà il debito che ha con la giustizia italiana e con due genitori che hanno visto il loro figlio 17enne uscire di casa e non fare più rientro.

Una replica a “Ubriaco e senza patente investe e uccide un 17enne: condannato a 5 anni ed espulso dall’Italia”

  1. Ariosto ha detto:

    segno concreto di giustizia!?
    ergastolo a casa sua o pena di morte…altro che 5 anni,una somma che non pagherà mai,e una volta espulso ti ritorna libero e di nuovo pronto a delinquere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *