martedì 20 novembre - Aggiornato alle 22:44

Truffa ai malati, il gup accoglie le richieste della procura: processo per sei

L’inchiesta Seven to Stand arriva ad una svolta: prima udienza fissata al 27 novembre

Tribunale di Terni (foto Rosati)

di Mas. Col.

Partirà il prossimo 27 novembre il processo a carico di sei persone nell’ambito dell’inchiesta denominata ‘Seven to stand’, mossa dalla procura della Repubblica di Terni nell’ambito di un presunto raggiro organizzato ai danni di persone con malattie degenerative. E’ quanto ha stabilito il giudice al termine dell’ultima udienza preliminare.

Il gup Nelle aule del tribunale di Terni dunque il gup ha stabilito di aprire il procedimento giudiziario, così come era stato chiesto dalla procura, nei confronti di Fabrizio De Silvestri, difeso dagli avvocati Daniele Bertaggia e Francesco Ciabattoni, Annalisa Grasso, difesa da Lino Ciaccio, Edoardo Romani e Pierlugi Proietti, difesi dai legali Manlio Morcella e Marco Gabriele, Giovanni Petrini, con gli avvocati Enrico Paroncilli e Alberto Trinchi, e Simone De Marco, con il legale Antonella Santoprete. Tutti coinvolti anche se con compiti diversi, secondo la procura, nel lavoro dell’associazione finita nel mirino degli investigatori proprio per il programma di cure denominato ‘Seven to stand’. Del procedimento potrebbero far parte anche settanta pazienti come parti offese: a stabilirlo sarà il giudice al momento della prima udienza, in programma il prossimo 27 novembre di fronte all’organo collegiale di giudizio.

Le indagini Secondo quanto ricostruito dalla procura il protocollo ‘Seven to stand’ era un ciclo medico che secondo gli organizzatori avrebbe dovuto portare a benefici consistenti per i malati nel giro di sette settimane. Protocollo che invece, come sostengono gli inquirenti, non aveva effetti medici sui pazienti ma che allo stesso tempo serviva a racimolare soldi, visto ogni persona arrivava a spendere tra i duemila e i tremila euro per ciclo di cura, che di solito durava sui 45 giorni.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.