Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 18 gennaio - Aggiornato alle 21:05

Trevi, cento tonnellate di cipolle in un magazzino senza autorizzazioni, acqua e luce

A fare la scoperta sono stati i carabinieri forestali di Campello sul Clitunno

Il capannone in cui sono state trovate le cipolle

Cento tonnellate di cipolle conservate in un magazzino senza autorizzazioni e senza rispettare gli standard previsti dalla legge. A fare la scoperta, a Trevi, sono stati i carabinieri forestali di Campello sul Clitunno. Secondo quanto emerso dai controlli dei militari, i 99.200 chili di cipolle (nella zona si coltivano quelle rinomate di Cannara) erano conservate in cassette di plastica in un capannone privo di energia elettrica, acqua potabile e servizi igienici funzionanti. Nessuna norma in materia di Hccp era rispettata, mentre il proprietario della merce non aveva la Nia sanitaria, la comunicazione obbligatoria per avviare un’attività nel settore alimentare. Tutta la merce è stata sequestrata e sul posto sono arrivati anche i tecnici del servizio in materia di igiene degli alimenti dell’Usl Umbria 2.

I commenti sono chiusi.