Quantcast
sabato 29 gennaio - Aggiornato alle 09:20

Terremoto, sindaco Norcia agli sfollati in albergo: «Tende piene ma se tornate troviamo soluzione»

Alemanno ha caricato undici clip video su Youtube fornendo una serie di informazioni: «Circa 850 persone assistite, avviate procedure per secondo container scuola»

Il sindaco Nicola Alemanno

di Chiara Fabrizi

«Le tende e le proloco sono piene ma se tornate ora per esigenze scolastiche o di lavoro troviamo insieme una soluzione di accoglienza in attesa dei container». Questo uno dei tanti messaggi lanciati da Youtube dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, che nelle ultime ore ha caricato undici clip video per una durata complessiva inferiore ai venti minuti attraverso le quali comunica con la sua gente, sia quella rimasta nella città di San Benedetto dopo la furia di magnitudo 6,5, sia il migliaio che nella serata del 30 ottobre e nelle ore successive sono stati trasferiti in pullman nelle strutture ricettive del lago Trasimeno e della zona di Perugia.

Marini: «Ricostruzione aziende è prioritaria»
La relazione Prociv al consiglio regionale
Coldiretti: «A rischio 50 mila ettari»
Reportage da Castelluccio: VIDEOFOTO
Primo giorno di scuola per i nursini al Trasimeno
Lettera ad Errani: «Spoleto sia nel cratere» 

I videomessaggi del sindaco «Ai concittadini in albergo – si rivolge direttamente Alemanno – avevamo detto che sareste stati lontani soltanto pochi giorni per cui chiunque di voi per motivi di lavoro o scolastici deve rientrare in città può venire e trovare alloggio, ma se non avete necessità di rientrare restate». E poi: «Abbiamo circa 650 persone assistite nelle frazioni e altre 250 a Norcia, attualmente i posti letto sono al completo ma se ci sono esigenze specifiche troveremo una soluzione». Come noto le tende rappresentano una soluzione tampone organizzata per chi con coraggio è rimasto a vivere e lavorare nella cittadina e nei borghi fantasma per tenere fede al profondo patto che lega questa gente alla montagna. Entro Natale, così come promesso dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, le tende saranno rimpiazzate dai container collettivi, sulle carte della protezione civile sono indicati come ‘villaggi comunitari’. Si tratta, infatti, di grandi strutture prefabbricate che necessitano di aree di almeno mille, 1.500 metri quadrati a zero rischio idrogeologico e dispongono di camere da due o tre posti, servizi igienici in comune, così come condivisa sarà la cucina, la zona mensa, quella giorno e la lavanderia.

La scuola prefabbricata: fotogallery
Le frane lungo la strada di Castelluccio: FOTO e VIDEO
Opera d’arte sparita
TUTTO SUL TERREMOTO

Avviate procedure per seconda scuola A Norcia i campi container dovrebbero essere otto o nove. Il Comune ha indicato le aree alla protezione civile che insieme all’Esercito ha compiuto i primi sopralluoghi, anche se al momento è ancora attesa la mappa dei villaggi comunitari. Sul fronte prefabbricati ma stavolta per le scuole, il sindaco Alemanno in una delle clip video ha anche spiegato: «Il 14 novembre con ogni probabilità apriremo la scuola prefabbricata che ha 17 classi, qui la mattina faranno lezione gli studenti delle scuole superiori e il pomeriggio quelli di scuole medie ed elementari. Abbiamo già avviato le procedure per realizzare un secondo prefabbricato così da poter disporre di spazi anche per i bimbi della materna ed evitare le lezioni in orario pomeridiano». I dettagli della procedura non sono ancora stati visionati, l’albo pretorio online del municipio è tragicamente fermo al 28 ottobre, ossia il venerdì precedente al terremoto di magnitudo 6,5.

Delocalizzazione Videomessaggio anche per imprenditori, commercianti e liberi professionisti per le delocalizzazioni delle sedi aziendali: «Chi dispone di un’area nel territorio comunale può certificare con perizia giurata sia lo stato dell’arte della propria attività che gli interventi da fare. È fondamentale – evidenzia – tracciare tutte le spese per il rimborso. Chi non ha un’area per delocalizzare, invece, deve attendere l’individuazione di un’area pubblica dove installeremo strutture e su cui non appena possibile forniremo dettagli sulle modalità di assegnazione». Sempre ai produttori del territorio comunale è rivolto l’avviso di accreditamento per essere iscritti nell’elenco delle aziende del territorio che intendono «aderire alle tante iniziative di vendita di prodotti locali a sostegno dell’economia». La domanda va presentata entro domani insieme a una serie di dati “per tutelare l’autenticità delle produzioni locali». L’elenco verrà poi pubblicato nel portale istituzionale del Comune.

A Norcia quindici vigili del Comune di Perugia Due agenti della Polizia municipale di Perugia sono partiti nel cuore della notte di domenica 30 ottobre per Norcia, appena pervenuta la richiesta dei colleghi del comando locale, che si sono trovati, in tre soltanto e senza un ufficio, crollato a seguito del sisma, a fronteggiare l’emergenza terremoto per l’intera comunità. Il servizio è stato voluto dal Sindaco Romizi, su richiesta dell’assessore regionale, ed è stato possibile grazie alla disponibilità degli agenti stessi e della comandante Caponi. Da quel giorno e ancora per tutta questa settimana, una quindicina di agenti, che volontariamente hanno dato la propria disponibilità, saranno nei luoghi del sisma per supportare i colleghi nel presidio del territorio. Il loro compito è, in particolare quello di gestire il movimento di mezzi pesanti, veicoli di soccorso e auto nell’area del Coc di Norcia.

Camper banche Da martedì mattina è disponibile a Norcia, in piazza Melvis, un camper UniCredit dove sono state trasferite tutte le operatività bancarie che prima erano erogate nella agenzia di corso Sertorio. Il camper è assistito da una servizio di vigilanza e, a giorni predefiniti, sarà operativo anche il servizio di cassa prelievi e versamenti. Un altro camper, stavolta del Monte dei Paschi, risulta allestito nel parcheggio in prossimità della scuola media di Norcia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.