mercoledì 23 gennaio - Aggiornato alle 08:31

Terni, femminicidio con martellate e coltellate. Marito uccide la moglie: arrestato dalla polizia

di Fabio Toni

Una donna di 43 anni, Giuseppa Corvi, è stata uccisa lunedì mattina a Terni, in un appartamento al primo piano di via del Fringuello 4, nel quartiere di Borgo Rivo. La squadra volante della polizia ha portato in questura il marito Franco Rinaldi di 48 anni, operaio per una ditta che lavora all’interno dell’Alcantara.

GUARDA LE FOTO

Prima ricostruzione Il delitto sarebbe avvenuto alle 8.30 circa. A dare l’allarme è stata una vicina che ha sentito le grida della donna che chiedeva aiuto. I primi ad arrivare sul posto, insieme agli agenti della polizia, sono stati i vigili del fuoco, ma l’uomo si era chiuso dentro e rifiutava di aprire.

GUARDA IL VIDEO

L’allarme Alla chiamata di emergenza sono arrivate due volanti della polizia – le operazioni sono state coordinate dal vice questore aggiunto Giuseppe Taschetti e dal sostituto commissario Anna Maria Mancini – e durante la perlustrazione, intorno al palazzo, l’uomo è stato visto sul balcone dell’abitazione – con indosso una una tuta bianca con cappuccio, guanti e copri scarpe – che si stava ripulendo dal sangue. Gli agenti gli hanno intimato di aprire la porta e sono stati costretti a puntare le armi per immobilizzarlo.

I VICINI: LEI SE N’ERA ANDATA DOPO UNA LITE

La dinamica Franco Rinaldi era arrivato nella casa in cui abitava moglie (i due vivevano separati da dicembre e la casa è di un cugino dell’omicida) a bordo di una Vespa – abita in via Fontana di Polo, a circa un chilometro di distanza – e ha atteso che il figlio 16enne andasse a scuola. Poi è sceso in cantina ed ha indossato una tuta simile a quelle usate dalla polizia scientifica, un paio di guanti, una mascherina e delle soprascarpe.

Il martello Subito dopo è salito nell’appartamento occupato dalla donna e l’ha aggredita, colpendola numerose volte con il martello che aveva portato con sé. Poi, per ‘finirla’, avrebbe usato un coltello trovato in casa. Quando gli agenti hanno fatto irruzione, la donna era già morta, riversa in un lago di sangue.

Moglie e marito La coppia era da tempo ‘in crisi’, tanto che nel dicembre scorso si era arrivati alla decisione di separarsi e a breve ci sarebbe stata l’udienza in tribunale. Lui, Franco Rinaldi lavora alle dipendenze della Sca, una ditta ternana che opera all’interno dell’Alcantara di Nera Montoro, mentre Giuseppa Corvi si arrangiava lavorando come colf e operatrice di call center.

I precedenti Dalle voci raccolte nel vicinato sembra che Giuseppa Corvi, originaria di Lugnano in Teverina, avesse presentato una denuncia ai carabinieri, nei mesi scorsi, nella quale segnalava alcuni comportamenti dell’ex marito, lui originario di Amelia, che le avevano provocato dei timori. Purtroppo fondati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.