martedì 20 novembre - Aggiornato alle 23:08

Terni, non vuole l’alcoltest: «Mi hanno ferito», ma si era tagliato con una scatoletta di tonno

Cinque denunce da parte della polizia di Stato nelle ultime operazioni nel comprensorio

Diverse operazioni per la polizia di Stato e in particolare per l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico: identificate 53 persone e denunciate cinque. Il primo è un italiano ultracinquantenne, già ammonito dal questore di Terni per aver commesso atti persecutori nei confronti della sua ex-compagna, che è stato denunciato per aver violato la misura che gli vietava di avvicinarsi alla donna. Lui l’ha seguita, pedinata e intimorita fin quando lei non ha chiamato il 113, fino all’arrivo degli agenti.

Simulazione di reato L’altro denunciato è un viterbese di origine, ma domiciliato a Terni, che è stato fermato da una pattuglia della Volante per un normale controllo. Alla vista di una mano sanguinante, gli agenti hanno chiesto cosa fosse successo e l’uomo ha dichiarato di essere stato ferito da uno straniero che impugnava un’arma da taglio. I successivi accertamenti hanno invece appurato che il 41enne si era ferito da solo in casa mentre apriva una scatoletta di tonno e che aveva raccontato la storia dello straniero per tentare di eludere il controllo, dato che era già stato segnalato per guida in stato di ebbrezza. E’ stato denunciato per simulazione di reato. Una ternana di 47 anni è stata denunciata per lesioni aggravate per aver colpito un conoscente con una bottiglia di birra. La donna, con precedenti di polizia, ha visto l’uomo per strada, lo ha seguito fino a quando non l’ha raggiunto e colpito. L’uomo ha chiamato il 113 e agli agenti che hanno chiesto spiegazioni del suo gesto, la donna ha detto che il conoscente le aveva rubato un giaccone, anche se in realtà la stessa donna aveva già accusato in precedenza altre due persone per la stessa questione.

Evasione Denunciato per evasione un cittadino nigeriano: sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per spaccio di droga e per lesioni aggravate nei confronti di due poliziotti, non è stato trovato in casa dagli agenti. Infine, una cittadina rumena di 39 anni, proveniente da un campo nomadi di Roma e già allontanata da Terni, è stata denunciata per la violazione della misura del divieto di ritorno disposta dal questore.

Orvieto La squadra volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Orvieto ha denunciato per violazione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per 3 anni, una donna rumena proveniente da un campo nomadi di Roma. La donna, con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e già denunciata altre 7 volte, sempre dagli agenti del Commissariato e sempre per la stessa violazione, si aggirava al parcheggio della stazione ferroviaria, tra le auto in sosta. Gli agenti della sezione Anticrimine hanno denunciato una 47enne rumena residente in un vicino comune della provincia di Viterbo, sorpresa a rubare merce, in particolare generi alimentari, da un supermercato di Orvieto Scalo. Gli agenti hanno notato la donna uscire con delle buste piene di merce dalla porta d’ingresso e non da quella di uscita e si sono insospettiti. Dopo aver visto la donna entrare di nuovo e riuscire con altre buste, al momento di entrare in auto, è stata bloccata.

I commenti sono chiusi.