giovedì 21 giugno - Aggiornato alle 12:34

Terni, freddato a colpi di pistola in via Galvani: assassino condannato a 16 anni

Kujtim Beli, 61 anni, reo confesso, non ha partecipato all’udienza. In aula la moglie e i tre figli della vittima Demir Hyseni, 49enne

di Chia.Fa.

Sedici anni all’assassino di via Galvani che, nel luglio 2017, freddò a colpi di pistola Demir Hyseni, 49enne di nazionalità albanese. Questa la condanna inflitta con rito abbreviato a Kujtim Beli, 61 anni, reo confesso, anche lui di origine albanese. La decisione del giudice Barbara Di Giovannantonio, che ha celebrato il procedimento col rito abbreviato, è arrivata dopo circa un’ora e mezza di camera di consiglio e dopo la discussione: in aula a rappresentare l’accusa il sostituto Raffaele Pesiri, al suo fianco l’avvocato Cristina Rinaldi, che assiste la moglie e i tre figli della vittima, tutti costituiti parte civile. A loro il giudice Di Giovannantonio, con la sentenza di condanna per omicidio volontario, ha riconosciuto anche 100 mila euro di provvisionale, mentre all’assassino Beli sono state concesse «le attenuanti generiche, con criterio di equivalenza sull’aggravante della premeditazione: riteniamo – dice l’avvocato della difesa Francesco Mattiangeli – si tratti di una sentenza equilibrata, ora attenderemo le motivazioni della sentenza per valutare se proporre l’appello». Il colpevole dell’omicidio di via Galvani resta in carcere e oggi per la sentenza di condanna non ha voluto partecipare all’udienza.

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.