giovedì 13 dicembre - Aggiornato alle 14:50

Terni, abbraccia un anziano e gli ruba la collana: 39enne arrestata

Una segnalazione e la polizia incastra la donna: obbligo di dimora e firma

 

©Fabrizio Troccoli

Un abbraccio con l’inganno e si è ritrovato senza collanina, è successo ad un anziano, adescato da una donna, cittadina rumena di 39 anni, residente ad Aprilia, con un precedente per furto con destrezza, che è stata arrestata venerdì dalla polizia per furto aggravato. L’arresto è stato convalidato dal giudice del tribunale di Terni, sabato mattina, che ha disposto per lei l’obbligo di dimora nella città laziale e l’obbligo di firma presso le forze di polizia del posto.

Polizia Sono stati gli investigatori della  Squadra mobile, che in seguito ad una segnalazione arrivata al 113, si sono messi subito sulle sue tracce, hanno seguito tutti i suoi movimenti, per poi entrare in azione ed arrestarla. L’adescamento è avvenuto nei pressi di una fontanella distributrice di acqua potabile a Borgo Rivo; lì alcuni residenti devono aver notato la donna, insieme ad una ‘collega’, ed hanno allertato la questura.Quando gli agenti sono arrivati, l’hanno vista salire nell’auto di un signore anziano e li hanno seguiti a distanza, non perdendoli mai di vista; l’uomo, un ternano di 79 anni, racconterà poi in questura che la donna gli aveva raccontato delle sue difficoltà finanziarie, e lui, mosso a compassione, le aveva dato 10 euro, lei come ringraziamento lo aveva abbracciato e gli aveva chiesto di accompagnarla fuori Terni. In via Bramante, la donna scesa dall’auto si è trovata ad aspettarla la polizia.

Furto aggravato La donna, non appena aperta la portiera, ha cercato di disfarsi di un involucro senza riuscirvi: era un fazzoletto con dentro la collanina d’oro dell’anziano che subito l’ha riconosciuta come quella che portava al collo pochi minuti prima. A seguito di questo episodio la polizia ricorda che sono numerose le campagne di informazione e sensibilizzazione promosse dal Corpo a favore delle vittime vulnerabili: iniziative, come la pubblicazione di opuscoli e brochure per difendersi dalle truffe e dai raggiri e la predisposizione di servizi di prevenzione in prossimità di parchi, luoghi di culto, uffici postali e mercati. La questura ternana invita pertanto i cittadini più anziani a fare attenzione, soprattutto agli sconosciuti, e, al minimo sospetto, a telefonare al 113, numero al quale risponde sempre un operatore addestrato e pronto a ricevere ogni tipo di segnalazione.

 

I commenti sono chiusi.