Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 28 gennaio - Aggiornato alle 07:09

Terni, 17enne morto nel sonno: cause naturali l’ipotesi più accreditata

Il malore e il decesso di Lorenzo nella notte tra giovedì e venerdì, ora via all’esame tossicologico e presto il funerale

di M.R.

La morte per cause naturali dopo l’esame autoptico eseguito martedì a Perugia sul corpo del 17enne Lorenzo Venti, resta l’ipotesi più accreditata. Il decesso continua a non trovare spiegazioni, dato che il ragazzo era sano. La procura ha disposto l’esame tossicologico, il resoconto entro i prossimi 60 giorni.

Lorenzo morto nel sonno a 17 anni I familiari attendono di riavere a disposizione la salma del giovane per poter celebrare il funerale, mentre gli uomini della squadra Mobile della questura di Terni diretti da Davide Caldarozzi proseguono le indagini coordinate dal sostituto procuratore Marco Stramaglia. Si scava nella vita di Lorenzo e in particolare attraverso l’analisi di pc e cellulare gli inquirenti cercano di ricostruire le ultime ore del 17enne morto nel sonno dopo una serata di lavoro come rider. La pizzeria per la quale lavorava alla consegna dei pasti, lo attendeva il venerdì alle 12 ma non si è presentato e a trovarlo senza vita è stata la madre. Tracce di vomito sugli indumenti che aveva addosso prima di addormentarsi sono il segno che Lorenzo si è sentito male ma dall’autopsia del medico legale Massimo Lancia nessun segno riconducibile a una morte diversa da quella per cause naturali. Come riporta il Corriere dell’Umbria la dottoressa Pola Mielai, procederà ora all’esame tossicologico e nel giro di due mesi tutto sarà refertato e depositato nel fascicolo aperto dall’autorità giudiziaria.

I commenti sono chiusi.