Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 8 agosto - Aggiornato alle 19:31

Svolta nel giallo di Barbara Corvi: c’è un indagato, venerdì a Terni l’interrogatorio

L’uomo, che vive nello Spezzino, è un parente del marito della donna ed è accusato di omicidio volontario

Barbara Corvi

Si riapre, dopo 11 anni, l’inchiesta sulla scomparsa di Barbara Corvi, la 35enne di Montecampano di Amelia sparita nel nulla il 27 ottobre 2009. Venerdì nella caserma dei carabinieri di Terni, secondo quanto riportato dal Secolo XIX comparirà di fronte al pm Alberto Liguori un pentito di ‘ndrangheta che vive in una località della Liguria. L’uomo, per il caso Corvi, è indagato con l’accusa di omicidio volontario in concorso con altra persona al momento ignota. L’indagato è un parente del marito della donna, un collaboratore di giustizia da circa 20 anni inserito fino a poco tempo fa in un programma di protezione.

Scomparsa nel nulla Della vicenda si era occupata anche la trasmissione «Chi l’ha Visto?», dove all’inizio dell’anno le sorelle della donna, che all’epoca aveva 35 anni, avevano annunciato di aver chiesto alla Procura di riaprire il fascicolo archiviato. La famiglia ha sempre rifiutato di credere a un allontanamento volontario. Il marito, cresciuto in una famiglia vicina alla malavita ma da cui aveva preso le distanze, aveva parlato di una relazione extraconiugale di Barbara, con la quale viveva da «separati in casa». Sarebbe stato l’ultimo ad averla vista, quel 27 ottobre, accompagnandola a casa. Poi il nulla. Amelia non ha mai dimenticato la dolorosa vicenda e il 27 ottobre scorso, in occasione del decennale della scomparsa, nella cittadina umbra si è tenuta una fiaccolata per chiedere verità e giustizia.

I commenti sono chiusi.