martedì 19 novembre - Aggiornato alle 22:36

«Stavo fumando in terrazzo, sono caduta e la sigaretta mi ha incendiato il pigiama»

Le parole della donna che era ricoverata all’ospedale di Assisi. L’autopsia conferma: ustioni causa della morte. La denuncia del marito

Il pm Paolo Abbritti -©Fabrizio Troccoli

di Enzo Beretta

«Sono caduta in terrazzo e la sigaretta che stavo fumando ha incendiato il mio pigiama». Sono queste le parole utilizzate da Antonella Rellini con un medico che l’ha soccorsa per spiegare il dramma del 2 novembre quando le fiamme l’hanno avvolta procurandole ustioni almeno sull’80 per cento del corpo. Sulle cause del decesso non ci sono dubbi: è morta per le scottature di secondo e terzo grado che non le hanno lasciato scampo. L’autopsia svolta giovedì pomeriggio dal medico legale Sergio Scalise Pantuso ha confermato il sospetto iniziale.

IL DRAMMA ALL’OSPEDALE DI ASSISI

Indagine aperta Antonella Rellini, ricoverata dal 21 ottobre all’Rsa di Assisi dove era ritenuta una malata terminale per quella dannata neoplasia del colon viene descritta come una accanita fumatrice. Anche quella notte si era recata in terrazzo per accendere una sigaretta. Il pacchetto insieme a un accendino sono stati ritrovati poco lontano dal letto in cui si è sdraiata quando ormai le fiamme si erano divampate. In corsia è risuonato forte il fischio dell’allarme antincendio. Qualche minuto dopo la poveretta è stata trasferita al pronto occorso di Perugia, città in cui è morta. Il pm Paolo Abbritti ha aperto un’indagine. Anche il marito della vittima ha presentato denuncia.

I commenti sono chiusi.