lunedì 18 novembre - Aggiornato alle 23:33

Spoleto dice addio a Giancarlo Comastri, una vita tra politica e sanità

L’ex senatore del Pci e dirigente medico è morto a Perugia, aveva 79 anni

Giancarlo Comastri

Addio a Giancarlo Comastri, senatore della Repubblica del Partito comunista e dirigente medico. Cordoglio a Spoleto per la morte del settantanovenne, deceduto venerdì mattina a Perugia, dopo una vita spesa tra sanità e politica, non solo parlamentare. Comastri, infatti, è stato più volte amministratore comunale, a partire dall’incarico dei primi anni Settanta con la giunta Mercatelli fino ad arrivare alla giunta Brunini, passando per quelle di Mario Laureti e Pietro Conti. A palazzo Madama, invece, si accomodò da primario nel maggio del 1984 subentrando a seguito della morte del senatore Dario Valori. Enorme l’impegno di Comastri anche all’ospedale San Matteo degli Infermi, di cui è stato primario del Laboratorio analisi e poi direttore sanitario, fino ad arrivare a guidare con lo stesso incarico la Asl3 di Spoleto e Foligno: «Abbiamo appreso con profondo dispiacere – si legge in una nota dell’amministrazione comunale – la notizia della scomparsa di Giancarlo Comastri, a cui la città ha sempre manifestato stima e sincero affetto per il suo impegno nelle istituzioni. Alla famiglia desidero esprimere, a nome della città, le più sentite condoglianze».  I funerali di Comastri saranno celebrati in forma strettamente privata. La camera ardente è stata allestita presso la sua abitazione fino a tutta la giornata di domenica.

I commenti sono chiusi.