martedì 16 ottobre - Aggiornato alle 04:01

Spese dei gruppi, i documenti non ci sono: per un ex consigliere regionale udienza rinviata

Il caso di Zaffini non viene discusso, Modena e Carpinelli scelgono il rito abbreviato

La toga di un magistrato della Corte dei conti (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Giudizio sospeso su un’eccezione preliminare di rito. In soldoni, che poi è proprio di quelli che si parla, mancano i documenti. Mercoledì a Perugia è approdato di fronte alla Sezione giurisdizionale della Corte dei conti dell’Umbria il caso legato all’operazione «Rimborsi sicuri», ovvero l’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari della Regione che riguarda alcuni anni della passata legislatura (in particolare il 2011 e il 2012). Di fronte alla magistratura contabile, come emerso giorni fa, sono chiamati gli attuali senatori Franco Zaffini (Fdi) e Fiammetta Modena (Fi), oltre all’ex consigliere Roberto Carpinelli.

MEDICO DELL’ESERCITO PER 800 GIORNI NON VA A LAVORARE

Il problema In aula c’era solo l’avvocato Antonio D’Acunto, legale di Zaffini, dato che Modena e Carpinelli (difesi rispettivamente da Franco Libori e Laura Modena) hanno optato per il giudizio abbreviato, pagando cioè in forma ridotta (al secondo, condannato dalla Corte mesi fa per quanto riguarda le spese del 2011, erano stati chiesti circa 30 mila euro mentre alla seconda 49 mila). In apertura la relatrice della Sezione Chiara Vetro (presidente Salvatore Sfrecola) ha fatto subito notare che tra gli atti ci sono solo quelli che riguardano Carpinelli; e gli altri? Secondo quanto emerso quando la Procura regionale ha depositato gli atti al collegio giudicante, non ha inserito i documenti probatori a supporto della richiesta di risarcimento di danno.

Tutto rinviato Un problema solamente tecnico (di mezzo ci sono i sistemi informativi attraverso i quali vengono messi a disposizione le carte) per il quale però la seduta è stata subito sospesa, per riprendere soltanto 45 minuti dopo: tutto rinviato a una prossima seduta durante la quale il caso di Zaffini sarà discusso nel merito. Quanto alla mancanza della documentazione, la Sezione si è riservata di emettere un provvedimento apposito. Quel che è certo è che altri ex consiglieri saranno chiamati di fronte alla Corte, dato che la Procura nei giorni scorsi ha inviato la richiesta di deduzioni a tutti i coinvolti.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.