Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 29 giugno - Aggiornato alle 14:00

Fanno strage di tordi poi postano video sui social: identificati e multati

Uccelli morti disposti sul cofano dell’auto e filmati: l’indagine si allarga anche ad altri cacciatori

(foto di Paul Einerhand da Unsplash)

Cacciatori fanno una strage di tordi e poi postano il video sui social. Sono stati identificati e multati dai carabinieri forestali dell’Umbria, i due cacciatori residenti a Terni considerati gli autori della mattanza di tordi bottacci compiuta nel territorio di riferimento dell’ambito Roma 2. Il questo di Terni, invece, sta valutando se procedere alla sospensione della licenza di caccia e del porto d’armi.

VIDEO SUI SOCIAL

Strage di tordi A dare input alle indagini è stato proprio il video postato sui social da uno dei due cacciatori e con cui vengono mostrati i 180 volativi uccisi con la doppietta. Gli animali erano stati tutti disposti sul cofano dell’auto di uno dei due e hanno suscitato l’indignazione non solo di ambientalisti e cittadini, ma anche di altri cacciatori. Uno di loro, proprio per condannare il gesto, ha anche scaricato il video ripostandolo con la scritta “Puro schifo da denunciare”. I contenuti circolati sui social sono quindi stati segnalati ai carabinieri forestali che, nel giro di poco, sono riusciti a dare un nome ai due presunti autori della strage di tordi. Entrambi residenti a Terni, i due cacciatori sono stati multati per 500 euro l’uno sulla scorta delle sanzioni previste dalle norme della Regione Lazio per l’abbattimento di fauna selvatica oltre il limite previsto dal calendario venatorio

I commenti sono chiusi.