Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 28 ottobre - Aggiornato alle 09:11

Secondo ricorso contro la nomina di Cantone a procuratore capo di Perugia

Dopo Masini va al Tar anche Paci escluso dalla Quinta commissione con delibera bollata come «contraddittoria» e «illogica»

Cantone a Perugia ©M.G.

C’è un altro ricorso al Tar contro la nomina di Raffaele Cantone a procuratore capo di Perugia. Dopo l’impugnazione di Luca Masini, procuratore aggiunto a Salerno, davanti ai giudici amministrativi arriva anche quella del procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gaetano Paci escluso dalla Quinta commissione del Csm. Rappresentato dagli avvocati Mario Serio e Giuseppe Naccarato, il magistrato contesta «contraddizioni» nella delibera del Csm che lo escluso, considerando la decisione «illogica» e in «violazione della normativa».

Secondo ricorso contro la nomina di Cantone L’atto in questione, è la tesi del ricorso, da un lato afferma che Paci sia «prevalente» rispetto a Cantone sotto il profilo degli indicatori specifici, ma dall’altro gli preferisce Cantone. Nell’impugnazione di 19 pagine depositata al Tar del Lazio viene contestata anche la parte che riguarda la nomina in uffici Distrettuali antimafia, come Perugia. Sul punto i legali evidenziano come il Testo unico della Dirigenza giudiziaria stabilisca che si debba tenere in considerazione il servizio prestato da tutti i candidati presso le Dda: Paci nel corso della sua carriera ha svolto per 20 anni servizio all’interno delle Dda tra Palermo e Reggio Calabria, di cui gli ultimi sei da coordinatore, mentre Cantone ne ha svolti otto. Da qui il ricorso per annullare la nomina di Cantone, che è il secondo depositato nel giro di poche settimane. Analoga iniziativa giudiziaria, infatti, è stata presa da Masini a cui il plenum, spaccandosi 12 a 8, gli ha preferito l’ex presidente dell’Anac. Anche lui ha impugnato la delibera davanti ai giudici amministrativi di Roma, con il Csm che ha già deciso di resistere nel procedimento incaricando l’Avvocatura dello Stato.

I commenti sono chiusi.