giovedì 22 giugno - Aggiornato alle 16:20

Sanitopoli, l’ex governatrice Lorenzetti gioca la sua ultima carta in Cassazione

Ricorso alla Suprema Corte contro la condanna a otto mesi per falso ideologico. Ancora però non è stata fissata l’udienza

L'ex presidente Maria Rita Lorenzetti

di En.Ber.

L’ex governatrice dell’Umbria Maria Rita Lorenzetti ha avanzato ricorso in Cassazione contro la sentenza della Corte d’appello di Perugia che l’ha condannata a otto mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione) nell’ambito del processo ‘Sanitopoli’. L’ex presidente della Regione viene ritenuta responsabile del reato di falso ideologico in relazione a una delibera di Giunta del marzo 2010 che autorizzava alcune Asl ad assumere personale. Il 15 marzo 2016 il collegio, presieduto da Ferdinando Luciano Pierucci, ha confermato la condanna inflitta dai giudici di primo grado. Non è ancora stata fissata la data dell’udienza in piazza Cavour e non si conosce neppure la sezione che tratterà il fascicolo. «Maria Rita Lorenzetti si è sempre comportata in maniera lineare ed ha agito nella totale liceità», ha spiegato il suo avvocato Luciano Ghirga, affiancato in quest’ultima fase dal penalista David Brunelli.

  • siska

    condannata a 8 mesi.(((non farà neanche un giorno di galera)))))…e che penale è??????? chi sono le persone assunte parenti,, amici degli amici …giustizia se ci sei batti un colpo!!!