Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 5 febbraio - Aggiornato alle 13:01

Rapina a mano armata in strada, le minacce col coltello poi calci e pugni: arrestato

In carcere un 35enne: a un medico di San Gemini ha sottratto anche tutti i soldi che aveva in casa

Aveva lasciato la sua borsa incustodita fuori da un esercizio commerciale del paese di San Gemini e si è ritrovato un uomo che ci rovistava dentro. Nel tentativo di fermarlo rivendicando il possesso della tracolla si è ritrovato un coltello puntato contro e sotto la minaccia di quello ha consegnato tutto il denaro che aveva con sé al rapinatore. Quest’ultimo, evidentemente non soddisfatto della cifra (solo una 50ina di euro), ha costretto allora l’uomo a portarlo con sé in casa per avere altri soldi. La vittima un medico del paese che, una volta dentro l’abitazione, ha dovuto subire calci e pugni, nonché colpi alla testa con un utensile da cucina. Lì il malvivente è riuscito ad asportare altro denaro e oggetti preziosi rovistando ovunque e mettendo a soqquadro tutto. Non ancora soddisfatto del bottino, e sempre sotto la minaccia del coltello, ha costretto poi il medico a raggiungere uno sportello bancomat del centro di San Gemini obbligandolo a prelevare una somma pari a diverse centinaia di euro, di cui si impossessava immediatamente ma poi, accortosi della presenza di altre persone, si è dileguato liberando il malcapitato. I fatti risalgono al 21 novembre scorso. Nel pomeriggio di lunedì 5 dicembre, le locali forze dell’ordine, che nel frattempo avevano acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza del paese, hanno rintracciato il rapinatore e su ordine della Procura della Repubblica di Terni hanno quindi eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il responsabile della rapina a mano armata è stato individuato in R.S., 35enne italiano già noto agli operatori della sicurezza. È accusato di rapina aggravata e lesioni personali.

I commenti sono chiusi.