lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 04:06

Prete condannato per molestie su minori a Spoleto insegna catechismo nel Veronese

Il servizio delle Iene

di C.F.
Twitter @chilodice

Era stato condannato dal tribunale di Spoleto nel 2010 per molestie su minori. E ora, don Paolo, per anni parroco in un paese dell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia, è stato trasferito nel Veronese dove insegna catechismo ai ragazzini delle elementari e delle medie, preparandoli alla comunione e alla cresima. Sono direttamente Le Iene a confezionare il servizio denuncia sul caso della prete che, nonostante i precedenti appurati in sede giudiziaria, continua a svolgere attività pastorali a stretto contatto con i minori.

IL SERVIZIO DELLE IENE

La condanna A denunciare il prete erano state alcune ragazzine che al giornalista del programma tv hanno ripetuto quanto in passato raccontato, prima, agli inquirenti e, poi, in aula. Palpeggiamenti e contatti fisici che naturalmente hanno segnato le infanzie delle vittime. Eppure la Santa Sede e la diocesi di Verona hanno ritenuto opportuno mettere nuovamente a contatto don Paolo con i minori.

Insegna catechismo nel Veronese In particolare nel servizio viene mostrata la lettera scritta da monsignor Giuseppe Zenti, vescovo di Verona, affissa nella parrocchia veneta per rassicurare i fedeli: «Don Paolo ha subito un processo e ne è uscito condannato, ma nonostante le insistenze del suo avvocato, convinto della sua innocenza, non fece ricorso perché visse la vicenda con angoscia e chiese di non procedere, non volendo sottoporsi anche per lungo tempo a quel calvario mediatico». E poi: «Dopo approfondite indagini compiute in sede diocesana e in Santa Sede don Paolo è risultato del tutto innocente. Se si fosse rivelato realmente colpevole di molestie sessuali non ve lo avrei mandato come parroco. Ora don Paolo ha bisogno di serenità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.