domenica 15 dicembre - Aggiornato alle 17:54

Più di 40 gradi domenica in molte zone dell’Umbria: le temperature e le previsioni

Record a Foligno, Marsciano e Massa Martana, 39 gradi a Perugia. Negli ospedali giornata trascorsa senza particolari criticità

Una signora lungo corso Vannucci, a Perugia (foto ©Fabrizio Troccoli)

di Dan.Bo.

Era attesa come la domenica più calda dell’anno, almeno per il momento, e così è stato. Nel corso della giornata più d’una delle stazioni monitorate dal Centro funzionale della protezione civile umbra hanno registrato una temperatura massima superiore ai 40 gradi. Il record spetta a Massa Martana dove alle 15.30 il termometro ha fatto segnare 40.2 gradi, così come a Foligno e Marsciano, mentre a Bastia Umbra si sono toccati i 39.7, a Compignano 39.5, a Montemolino 39.7 e a Todi 39.2. Quanto ai due capoluoghi di provincia, a Perugia le due centraline hanno registrato 38.5 e 38.7 gradi alle 15, a Terni 37.3 alle 15.30; a Orvieto la colonnina ha toccato i 38.7, a San Gemini 39.2, a Spoleto 38.7, a Norcia 36.7, a Umbertide 36.6, a Città di Castello 38.2, a Gualdo Tadino 37, a Gubbio 36.3, 37.5 a Isola Polvese e 37.2 a Castiglione del Lago. Le temperature più basse? 25.5 gradi a Forca Canapine e 29.5 sul Monte Cucco.

Le previsioni Quanto ai prossimi giorni, rispetto all’ultimo bollettino di Umbriameteo diffuso sabato le previsioni non sono cambiate. Le temperature aumenteranno fino a lunedì con massime attese oltre i 40 gradi nella conca ternana. Martedì nuvolosità in aumento, generalmente poco consistente, e temperature in aumento con nottata calda, «forse la più calda del mese – riferisce Umbriameteo – a causa dell’umidità». Il calo termico è atteso da mercoledì grazie all’arrivo di aria fresca da Nord-Ovest, con qualche nuvola e possibili isolati rovesci a ridosso delle zone montuose della regione. Sole e temperature in calo, con valori simili alle medie del periodo, nella giornata di Ferragosto. Tra venerdì 16 e martedì 20 poi prevalenza di sole con temperature in lento aumento, mediamente di circa un grado al giorno.

In ospedale Sul fronte sanitario invece la domenica rovente all’ospedale di Perugia è trascorsa senza particolari picchi di attività legati al caldo. Come riferisce il Santa Maria «sta funzionando il piano di prevenzione attuato dagli enti preposti, che permette un afflusso costante di pazienti in ospedale anche per patologie non afferenti al caldo». La conferma arriva anche dal numero di posti letto liberi (4 su 10) nella struttura di Osservazione breve intensiva del pronto soccorso. Nell’ultima settimana «i casi da sincope da calore sono stati tre – riferisce Andrea Ceccagnoli del servizio infermieristico del Pronto soccorso di Perugia -, di cui due codici verdi riguardanti pazienti di 12 e 38 anni, e un codice giallo assegnato a un paziente di 79 anni. Tutti e tre si sono risolti con un giorno di osservazione in ospedale».

L’ultima settimana Sempre nell’ultima settimana si è registrato un accesso medio in pronto soccorso di 160 pazienti, di cui 23 con codice bianco, 107 con codice verde, 21 in codice giallo e 3 con codice rosso, quello della massima gravità. Di questi poco più della metà sono stati ricoverati e assegnati ai diversi reparti; il picco maggiore degli utenti ha riguardato le fasce di età tra i 15 e i 45 anni e tra i 75 e gli 84 anni. La prevalenza dei ricoveri ha riguardato eventi traumatici, a seguire dolore addominale, dolore toracico, difficoltà respiratorie, disturbi otorinolaringoiatrici e infine disturbi neurologici.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.