Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 11:14

Picchia la compagna fino a mandarla in ospedale: portato in carcere

Donna riporta prognosi di 15 giorni e raccontato di violenze pregresse. Un’altra giovane scappa dalle botte con la figlioletta: marito denunciato

Picchia la compagna fino a costringerla a ricorrere alle cure del personale sanitario. Un uomo è stato arrestato nel comprensorio di Todi e portato nel carcere di Spoleto su disposizione dell’autorità giudiziaria dopo che la partner ha chiesto aiuto a seguito di un’aggressione. La vittima, che è una donna di mezza età, ha riferito che già in passato il compagno l’avevea picchiata, ma che malgrado i comportamenti violenti patiti nel corso del tempo non era mai riuscita a denunciarlo.

Picchia la compagna fino a mandarla in ospedale L’ultima aggressione, però, è stata particolarmente brutale, tanto che la donna è dovuta andare al Pronto soccorso di Pantalla dove è stata medicata per le lesioni riportate e sottoposta a una serie di accertamenti diagnostici all’esito dei quali è stata dimessa con una prognosi di 15 giorni. Contestualmente sono scattati una serie di accertamenti che hanno permesso non sono di fermare il compagno della donna, ma anche di trovare riscontri al racconto che la vittima aveva fatto poco prima alle autorità. L’uomo è stato quindi arrestato e portato in carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Madre e figlia in una struttura protetta Indagato a piede libero per il medesimo reato, invece, un altro uomo sempre residente nel comprensorio di Todi. Qui la vittima è una giovane che come l’altra ha chiesto aiuto alle forze dell’ordine, riferendo di essere ormai spaventata dalle continue aggressioni a cui il marito la sottoponeva ormai da tempo. In questo quadro, la trentenne ha sostenuto di temere per la propria incolumità e per quella della figlioletta. Di fronte alla denuncia formalizzata dalla donna, le autorità hanno collocato lei e la piccola in una struttura protetta, mentre il marito è stato denunciato a piede libero.

I commenti sono chiusi.