Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 26 settembre - Aggiornato alle 08:27

Perugia, residenti del centro esasperati: «Movida e degrado». Comune: «Fatti controlli e multe»

Video denuncia di cittadini che vivono nell’acropoli: «Abbeveratoi guadagnano sulla salute dei giovani»

«Si verificano ogni notte atti di ogni genere, dal fare sesso sui gradini dei palazzi ad utilizzare delle vie e dei portoni come propri vespasiani senza curarsi dei proprietari che vi abitano». È una denuncia corredata da video quella inviata alla nostra redazione da alcuni residenti dell’acropoli perugina. Ma il Comune risponde: proprio stanotte tanti controlli e sanzioni.

La denuncia «Come ogni notte – spiegano i cittadini nella loro denuncia – anche ieri sera si è consumata l’ennesima notte senza controllo tra le vie del centro storico di Perugia, siamo tutti esasperati da questa situazione, dobbiamo convivere con atti di balordaggine e degrado fuori controllo, tutto grazie alle politiche del Comune che invece di regolamentare e moderare certe attività che non hanno nulla a che vedere con quello che è il tessuto del commercio di una città ma sono solo degli abbeveratoi a cielo aperto che innescano situazioni di degrado e basta e guadagno solo per alcuni, visto che con locali di 2 o 3 metri quadri senza posti a sedere si permettono di fare guadagni sulla salute dei giovani, lasciandoli scorrazzare in stati di alterazione completa».

LA VIDEO DENUNCIA DEI RESIDENTI

Esasperati Il flusso degli avventori, spiegano i residenti, nella sera in cui sono registrati i video, era in media ogni 5 minuti fino le 3 di notte, «addirittura – spiegano – abbiamo cacciato ragazzi che urinavano già alle ore 20. Siamo esasperati, vi chiediamo di mettere in risalto questo fenomeno di degrado insostenibile, certi della vostra sensibilità».

Tre video di denuncia Nel primo video viene ripreso dall’alto un ragazzo mentre urina «esattamente sulla porta di casa con tanto di telecamera che lo riprende e luce, incurante e soddisfatto». Nel secondo si sente un ragazzo che «oltre che bestemmiare ad alta voce, si lamenta alle soglie di un coma etilico, e che rimette più volte, sempre su strade dove vivono persone e ci sono soglie di abitazioni». Nell’ultimo «dei ragazzi venuti nella via per drogarsi e scontenti del fatto che vi fosse un lampione vengono mandati via da delle ragazze che come chiaramente nell’audio dicono che devono “piscià”».

Replica del Comune A seguito delle denunce dei cittadini negli ultimi periodi, stanchi dell’inciviltà di alcuni frequentatori delle notti perugine, l’Amminsitrazione comunale in una nota sottolinea di aver risposto «implementando i controlli con servizi rafforzati e in presenza già nella notte di ieri, sabato 12 settembre». In particolare «la pattuglia della polizia locale specializzata in controlli negli esercizi commerciali unitamente alla pattuglia impegnata in viabilità hanno rilevato sanzioni a locali in piazza Danti per disturbo al vicinato derivato da musica ad alto volume, per mancato rispetto delle misure anticovid, per il mancato distanziamento degli avventori (18 persone all’interno di un locale di circa 10 mq)».

Circoli e bisogni in strada Inoltre, nel cuore della notte, alla presenza del sindaco Romizi e dell’assessore alla sicurezza Merli, hanno preso il via i controlli nei vicoli e nelle piazzette del centro con pattuglie in borghese e in divisa che hanno portato a denunce in via Baldeschi per somministrazione di bevande alcoliche a un minorenne. Alle ore 2.40, insieme al personale della questura, sono stati effettuati controlli in un circolo in via della Luna dove erano presenti 25 soggetti privi di tessera del circolo, contestando quindi la violazione per pubblico esercizio abusivo e dalle 3.40 sono stati elevati verbali a soggetti che avevano urinato in strada. Le pattuglie della polizia locale hanno inoltre elevato violazioni per divieto di sosta in piazza Danti mentre i volontari di protezione civile del Gruppo comunale Perusia hanno collaborato con tutte le forze di polizia in campo informando la popolazione sulle norme anticovid. Controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni.

I commenti sono chiusi.