martedì 25 giugno - Aggiornato alle 03:58

Perugia, ottanta testimoni contro il «palpeggiatore seriale»

Si apre il processo. Il tribunale decide che le riprese dei video che hanno incastrato il pasticcere Claudio Guercini sono utilizzabili

Il palpeggiatore in azione

di Dan.Bo.

Una lista con 80 testimoni. E’ quella depositata dal pm Gemma Miliani nel processo contro il pasticcere Claudio Guercini, 49 anni, ritenuto dai carabinieri e dalla polizia di Perugia il «palpeggiatore seriale» che tra il 2012 e il 2014 ha molestato per strada decine di donne. Sono 42 le persone offese che nei prossimi mesi andranno a deporre in aula (compresa la consigliera comunale Emanuela Mori) contro l’uomo finito agli arresti domiciliari nel gennaio 2015. Insieme a loro anche gli investigatori dell’Arma e della questura che hanno svolto le indagini, accompagnati dagli specialisti della Scientifica.

Eccezioni rigettate Il collegio – presieduto dal giudice Francesco Loschi – ha rigettato alcune eccezioni presentate dall’avvocato dell’imputato, Arturo Bonsignore, anche quella legate all’inutilizzabilità dei video che hanno incastrato il pasticcere ‘mascherato’ di Castel del Piano che metteva a segno le violenze (alcune donne sono finite perfino in ospedale) di buon mattino mentre andava nei bar del centro storico a consegnare i cornetti.

I commenti sono chiusi.