Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 3 luglio - Aggiornato alle 22:15

Perugia, è morto Sauro Cosimetti: è stato lo storico dj del Red Zone

Un fuoriclasse assoluto della consolle. Intere generazioni hanno seguito e ballato la sua musica house

di Enzo Beretta e Danilo Nardoni 

È morto dj Sauro Cosimetti. La notizia del decesso dello storico resident del Red Zone Club sconvolge il mondo della musica. Se n’è andato a 55 anni uno in assoluto dei migliori disc-jockey dell’Umbria. Sauro Cosimetti, punto di riferimento per intere generazioni che hanno seguito e ballato la sua musica house, è stato ritrovato morto nel suo appartamento di Valfabbrica, alle porte di Perugia. Sembrerebbe trattarsi di una morte naturale. Assoluto fuoriclasse della consolle ha suonato insieme a Ricky L, con il quale è stato per lunghi anni resident al Red Zone. Nell’ordine, rigorosamente, prima Sauro, poi il suo amico Ricky L.

Un fuoriclasse assoluto Sauro Cosimetti inizia la sua carriera nel 1980 in vari locali perugini, nel 1983 si trova all’Odeon Music All e viene a contatto con dj del calibro di Moz-Art, Daniele Baldelli, Tbc ed altri nomi importanti del panorama afro, che ne influenzeranno positivamente la capacità lavorativa e l’esperienza musicale. Nel 1987, agli albori della musica House (da lui meglio identificata come dance music), comincia a lavorare in diversi locali umbri e toscani (Scorpione, Fullup) creandosi una propria nicchia musicale. Nel 1987 è al Quasar (Perugia) presso cui sperimenta la fusione tra Musica Dance e House Music. Data significativa per quanto riguarda la sua carriera è l’apertura del Red Zone Club (Perugia, 1988), storico locale house polo d’attrazione per migliaia di giovani provenienti da tutta Italia ed Europa, di cui diverrà resident per il ventennio successivo. Le collaborazioni proseguono proficue con alcuni dei dj più importanti del panorama musicale mondiale come Tony Humphries, Francois Kevorkian, Kerry Chandler, Frankie Knuckles, Jovonn, Ralf, Quentin Harris, Osunlade e tanti tanti altri. Molti club che hanno ospitato questo eclettico dj in Italia, tra cui Echoes, Club dei 99, Kinki, Ethos Mama Club, Plastic, Paradiso, Pacha, Goa, Piper, Horus e tanti altri sparsi fra la riviera romagnola e la piazza di Napoli, e molte le sessioni all’estero (Londra, Germania, Islanda, Francia, Svizzera, Spagna ed America del Nord).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alex Neri (@alexneridj)

I commenti sono chiusi.